Se state cercando un sentiero da fare in famiglia sull’altopiano di Asiago, certamente questo fa per voi! Un percorso semplice e poco impegnativo con tanti momenti di sosta.

I sentieri di Campomuletto

Il sentiero del Silenzio di Campomulo, in realtà si trova poco avanti, a Campomuletto, nel comune di Gallio, altopiano dei 7 comuni.

sentiero-silenzio-campomuletto
Living flower

Dal parcheggio della Malga Campomuletto si accede principalmente al Sentiero del Silenzio, un itinerario circolare che parte e arriva in rifugio.

La zona è verde d’estate e bianca di neve in inverno, tanto che ci sono ottime piste per lo sci di fondo che attraversano tutta la montagna.

Percorrere il sentiero del silenzio di Campomulo

Questo percorso è stato dedicato dal comune di Gallio a tutti i caduti della Grande Guerra ed è ora tenuto in cura dagli alpini.

La piana tra Campomulo e Campomuletto, è stata infatti teatro di grandi scontri bellici nella prima guerra mondiale, con moltissimi caduti che si è pesato di celebrare con delle installazioni artistiche.

sentiero-della-memoria-campomulo

IL sentiero del Silenzio di Campomulo è facilmente percorribile in poco meno di un’ora ma attenzione che non si può salire con il passeggino.

sentiero-silenzio-lettere
Lettere dal fronte

Le installazioni lungo il percorso

Le tappe sono 10 ed ognuna rappresenta uno spunto per riflettere:

  1. Pace riscoperta
  2. Pietà
  3. Speranza
  4. Lettere dal fronte
  5. Testimoni
  6. Eserciti
  7. Fiori viventi
  8. Labirinto nero
  9. Immortali
  10. Cimeli di gloria

Installazioni in bronzo, cemento o legno che riproducono ansie e perdite di tutti noi.

Avete letto anche il nostro itinerario arte in montagna ad Artesella?

Molto difficile non fermarsi per una preghiera davanti agli elmetti o alle mani tese che sbucano dalla terra.

sentiero-del-silezio-campomuletto
La speranza

La parte più coinvolgente è sicuramente leggere le lettere dal fronte.

Un sentiero che suscita profonde emozioni in chi lo visita e che fa riflettere sulla storia dell’Altopiano e le sue guerre.

Condividi questo articolo
  • 496
    Shares

22 Comments

  • Helene
    Posted 02/06/2020

    Indicazioni sicuramente interessanti ed utili per chi abita in zona e vuole percorrere qualche bella passeggiata in famiglia.

  • Cla
    Posted 02/06/2020

    Mi sembra un bel sentiero, facile da percorrere, ma molto interessante. Lo terrò presente

  • mara
    Posted 02/06/2020

    una gita molto bella ed un percorso davvero particolar. amo questo genere di escursioni le trovo molto piacevoli

  • Cristina Giordano
    Posted 04/06/2020

    Ciao che meraviglia un sentiero facile, non troppo lungo e con step da seguire, mi piacerebbe farlo una volta

  • Annalisa trevaligie_travelblog
    Posted 08/06/2020

    Hai fatto bene a specificare che è inaccessibile con i passeggini. Spesso sono dovuta rimanere in giro sulla pianura proprio perché i sentieri erano impervi e difficilmente percorribili anche con bimbo in braccio. Bellissimo percorso quello che hai proposto. Lo tengo in considerazione per la prossima incursione in zona.

  • Valentina
    Posted 08/06/2020

    Sarà sicuramente una bella gita per chi vuole andarci con i bambini. Io però ho voglia di mare e sole, e non amo camminare, ma lo consiglierò alle famiglie che conosco.

    • Cristina
      Posted 09/06/2020

      Mah…è più un sentiero riflessivo in effetti!

  • Speranza
    Posted 09/06/2020

    Visitai l’Altipiano di Asiago tanto tempo fa e ancora ricordo le sensazioni e la commozione provate quel giorno.

    • Cristina
      Posted 09/06/2020

      Molto commovente. I ricordi di guerra sono toccanti

    • Raffi
      Posted 10/06/2020

      Bello questo sentiero. Mi ha incuriosito e sto già cercando di inserirlo nelle mie vacanze. In caso ti chiederò qualche informazione.

  • Annalisa
    Posted 09/06/2020

    Sicuramente una visita a forte impatto emotivo e di riflessione. Bello!

  • Francesca
    Posted 09/06/2020

    Un sentiero interessante da tenere in mente per qualche gita!

  • Michela
    Posted 10/06/2020

    Appena vista l’immagine con glie elmetti il mio pensiero è subito andato a tutte le vittime si guerra celebrate all’interno dei ciniteri. Io ne ho visitati molto soprattutto in USA

  • Teresa
    Posted 12/06/2020

    Un trekking che potrei fare anche io, visto che è molto semplice, non dura molto, ma soprattutto perchè molto denso di significato.

  • ANTONELLA MAIOCCHI
    Posted 12/06/2020

    Deve essere davvero molto emozionante questo percorso che invita alla riflessione e diventa molto educativo per i bambini e non solo. Un percorso simile ma più difficile emotivamente, l’ho fatto a Birmingham in Alabama e il tema erano le lotte per i diritti civili dei neri negli anni ’70. Il tema si ripropone più che mai attuale…

  • Simona
    Posted 12/06/2020

    Nonostante sia un sentiero facile dal punto di vista fisico, è sicuramente impegnativo dal punto di vista emotivo. Credo che il nome scelto sia davvero azzeccato e spero di andarci presto!

  • Laura
    Posted 12/06/2020

    Che bella scoperta
    Non sapevo esistessero sentieri con installazioni per riflettere, un buon modo per trascorrere un weekend all’insegna di natura e relax.

  • paola
    Posted 14/06/2020

    Molto bello questo percorso che mescola la natura alla storia. Aria buona mentre si ricorda quante brutture provoca la guerra.

  • Eliana
    Posted 14/06/2020

    Molto bello e particolare questo sentiero, sicuramente lo farei se fossi in zona! Una domanda, ci sono solo opere e rimandi alla prima guerra mondiale o anche alla seconda? Grazie mille 🙂

    • Cristina
      Posted 16/06/2020

      Sono solo della prima che è stata combattuta proprio su questo fronte!

  • Trackback: Il giro delle malghe di Caltrano sull'altopiano di Asiago - Vagabonds - Travel Storytelling

Leave a comment