VISITARE IL PARCO SIGURTA’

visitare-il-parco-sigurtà

Visitare il Parco Sigurtà: tutte le novità per vedere questa oasi fiorita sulle rive del lago di Garda.

La scorsa domenica siamo stati ospiti del Parco Sigurtà, un parco naturalistico che si trova sulle rive del lago di Garda, nei pressi di Valeggio sul Mincio.

Un luogo antico che si è trasformato nei secoli da un semplice paesaggio agricolo a lussureggiante giardino dal prato inglese.

Il parco è noto soprattutto per la fioritura dei suoi tulipani, che ogni anno colorano i prati nel mese di aprile e per le sue 30 mila rose che inebriano i visitatori da maggio a settembre.

Vi ricordate quando vi abbiamo portato nel giardino botanico del Monte Bondone in provincia di Trento?

La fioritura dei tulipani è considerata la più importante del Sud Europa ed ha permesso al parco di raggiungere degli importanti traguardi, come il premio “Parco più bello d’Italia 2013” e
“Secondo Parco Più Bello d’Europa 2015” ed è oramai chiamata ufficialmente #tulipanomania.

Visitare il Parco Sigurtà: la corsa di primavera

Il Parco ha riaperto i battenti l’8 marzo in occasione della festa delle donne e per domenica 15 marzo ha organizzato, come ogni anno, una corsa non competitiva a tema.

Lo scorso anno c’è stata la Country edition che ha richiamato oltre 5 mila persone! e noi non potevamo mancare!

corsa-di-primavera-parco-sigurtà
La nostra partecipazione alla corsa!

Migliaia di visitatori, appassionati e famiglie hanno partecipato a questo simpatico evento arricchito dalle note country, con musica e balli.

corsa-di-primavera-sigurtà
Versione cowboy 🙂

I 600 mila metri quadri del parco sono stati percorsi dai partecipanti che potevano scegliere i 2,5 km, i 6 ed i 10 km di lunghezza per la loro camminata/corsa.

Noi ci siamo goduti la giornata passeggiando tra i giardini, ammirando anche le meraviglie storico culturali del parco, come la grotta votiva, l’eremo ed il castelletto e giocando nei prati!

Come organizzare la visita

Il Parco è davvero vasto, per percorrerlo tutto a piedi ci vuole una giornata intera!I sentieri sono ben segnalati e ruotano attorno alle zone principali del giardino.

Vi lascio qui una mappa:

mappa_sito_sigurta
Mappa ricavata dal sito www.sigurtà.it

In alternativa, se avete meno tempo potete scegliere un mezzo diverso come il trenino, la bicicletta ed il golf-kart. Questi ultimi due sono affittabili anche in loco.

I punti d’interesse sono moltissimi! Dapprima la via delle roseal momento non fiorita, il labirinto dove ci siamo persi un paio di volte, il giardino botanico

giardino-botanico-parco-sigurtà

i giardini acquatici,

giardino-acquatico-parco-sigurtà

l’eremo, il castelletto e la grotta votiva,

grotta-votiva-parco-sigurtà
La grotta votiva

i grandi prati e tantissimi altri punti di sicuro interesse tra cui la fattoria didattica e la valle dei daini, che attireranno sicuramente i bambini.

valle-dei-daini-parco-sigurtà

Visitare il Parco Sigurtà: novità ed eventi

Il parco è sempre più attivo nel proporre iniziative ed eventi per coinvolgere il già folto pubblico che lo visita ogni anno.

Innanzi tutto vi segnalo che anche per la stagione 2020 il Parco Giardino Sigurtà ripropone il contest fotografico dedicato alla strepitosa fioritura dei tulipani!

Tutti possono partecipare a questa competizione fotografica, giunta ormai alla sua ottava edizione, che negli anni ha appassionato sempre più visitatori.

Il contest sarà attivo dall’8 marzo al 30 aprile 2020, vi lascio il link con le istruzioni per partecipare qui.

Oltre a questo gli eventi organizzati sono moltissimi, dal truccabimbi, al passaggio della Mille Miglia, dalla caccia alle uova di pasqua all’esibizione degli artisti di strada. Per tutto il calendario vi rimando qui.

Come organizzare pranzi e spuntini

Il Parco ospita vari chioschi disseminati lungo il percorso principale dove mangiare panini, gelati e snack, mentre presso la fattoria didattica è stata aperta una pizzeria al taglio.

Nelle vicinanze dei chioschi sono state allestite delle apposite aree pic-nic per i pranzi al sacco.

All’esterno del parco invece, c’è un ristorante che prepara le specialità del luogo, i tipici tortellini di Valeggio. Ci potete andare a piedi oppure con la navetta, obbligatoria la prenotazione!

Biglietti ed orari

Dall’8 marzo al 8 novembre 2020 il parco è aperto tutti i giorni con orario continuato dalle 9.00 alle 19.00 mentre nei mesi di marzo, ottobre e novembre l’orario è dalle 9.00 alle 18.00

Per i prezzi dei biglietti vi rimando qui e vi ricordo che sono previsti sconti per gruppi, scuole, grest e centri estivi.

Articolo scritto in collaborazione con Parco Sigurtà, ringrazio Roberta Gueli per l’ufficio stampa.

LA FABBRICA DELLA SCIENZA A JESOLO

la-fabbrica-della-scienza

Alla scoperta della Fabbrica della Scienza, un’attrazione di Jesolo interessantissima per bambini ma anche per genitori!

Ma chi l’ha detto che Jesolo va visitata solo in estate per il suo mare e la sua movida? Noi ci siamo stati per una giornata in inverno per ammirare i Presepi di sabbia ed abbiamo scoperto La Fabbrica della Scienza!

Avete letto il nostro racconto sui presepi di Sabbia?

Questa esposizione è già presente da alcuni anni ma è stata rinnovata con nuove sezioni.

Come organizzare la visita alla Fabbrica della Scienza

La mostra è strutturata su due piani, ricchi di esperimenti manuali ed interattivi, ognuno con le proprie istruzioni e la spiegazione del fenomeno coinvolto. Fisica, elettromagnetismo, forze e tanto altro per coinvolgere i più piccoli in un’esperienza davvero affascinante.

esperimenti-fabbrica-della-scienza

Le sale sono divise da tende o pareti mobili in modo da creare delle postazioni fruibili a tutti senza ressa.

Ci sono esperimenti vari ma anche fenomeni atmosferici come una postazione dove si ricrea l’effetto di un tornado e quello dove si prova la sensazione di vivere un terremoto.

tornado-fabbrica-della-scienza

In particolare qui è ricreato il terremoto che c’è stato in Emilia e Umbria nel 2015, ed è davvero impressionante rivivere quel momento.

Al secondo piano vi è un’area digitale con visori e giochi a quiz interattivi. I visori mostrano dinosauri, stelle incredibili e tanti altri mondi naturali e delle scienze. E’ possibile nuotare vicino ad una balena o camminare sulla luna!

visori-fabbrica-della-scienza

Ritornati al piano terra poi ci sono due zone nuove, una dedicata a Tesla con degli esperimenti sull’elettricità ed una dedicata all’acqua con tanti quiz sul risparmio energetico e l’ambiente.

tesla-fabbrica-della-scienza

Biglietti

All’entrata ci sono due file, una per chi ha già i biglietti on-line e una per chi li deve ancora acquistare. Per questo motivo vi consiglio di prenotarli in anticipo così da non aspettare fuori in coda ed entrare subito.

Dopo aver fatto il biglietto, troverete un guardaroba dove lasciare giacche e borse in armadietti al costo di 2 €, cosa che vi consigliamo assolutamente in inverno!

E’ possibile acquistare un biglietto combinato insieme al Tropicarium che si trova di fronte.

Dove si trova

La fabbrica della Scienza si trova a Jesolo in via Aquileia 123, di fronte al Tropicarium.

Per il parcheggio noi abbiamo messo la macchina in una stradina vicino ma ce n’è uno davanti all’ingresso, altrimenti ce ne sono a pagamento.

Orari di apertura

La Fabbrica della Scienza è aperta tutti i weekend al momento fino alla prossima Pasqua. Le aperture si aggiornano di continuo ed in genere sono sempre aperti nei periodi di vacanza scolastica.

Per ulteriori info consultate il sito con gli orari di apertura!

Buon divertimento! E se avete voglia di prolungare la giornata potete visitare il Presepe di sabbia che vi ho segnalato ed anche i mercatini natalizi di Via Bafile.

Post scritto in collaborazione con La Città della Scienza. #gifted

VALLI DEL PASUBIO: il magico presepe di Bariola

presepe-di-bariola-pasubio

Dopo avervi portato a Laghi di Posina (VI) per coinvolgervi nella manifestazione Natalizia “Incanto di Natale”, abbiamo pensato di passeggiare per questo paesino di Valli del Pasubio, un comune limitrofo, per mostrarvi il Presepe di Bariola.

presepe-di-bariola-pasubio
La natività

Ogni anno infatti in questa contrada del comune di Valli, si tiene un fantastico presepe che anima tutto il periodo natalizio.

Il presepe di Bariola

Il presepe di Bariola racconta la natività di Gesù ma rappresenta anche tutto il contesto rurale di vita della comunità montana nei primi del ‘900.

Rievoca povertà e fatica di questi abitanti che basavano la loro vita sul ritmo delle stagioni e dei raccolti, sulla condivisione degli spazi e della vita.

presepe-di-bariola
Scene rurali

Il presepe è allestito all’interno di cantine, portici e focolari messi a disposizione dagli abitanti. La contrada è caratteristica da visitare già di per sé, perché ha case pittoresche, corti comuni e case rurali davvero incredibili.

Le statue sono a grandezza naturale e ricreate in modo perfetto dagli artigiani del paese che si adoperano per produrle e farle funzionare in modo meccanico per tutta la durata del presepe.

presepe-di-bariola
L’annunciazione

Le statue sono animate e rappresentano tutte scene di vita locale e contadina. C’è il fabbro intento a forgiare il ferro, il calzolaio che sistema una scarpa, la mamma che impasta la pasta fatta in casa e la vecchina all’arcolaio.

Il presepe ai giorni nostri

Il presepe di Bariola si è evoluto in modo digitale negli ultimi anni e, in ogni stazione, troverete un QRcode da cliccare con il cellulare per attivare racconti e storie dell’epoca.

Al folletto è piaciuto un sacco immergersi nei racconti del paese, anche se tanti sono in dialetto veneto. Ma bellissime sono anche le scene interattive dove i bambini possono scoprire cose nuove.

Alcuni raccontano la bellissima tradizione del Filò che coinvolgeva anziani e bambini davanti al focolare della sera per racconti e storie.

scene-rurali-bariola
L’antico mestiere del fabbro

Un ritorno alle origini ed alle radici della tradizione veneta che porta i bambini a riscoprire usi e costumi ormai quasi dimenticati.

Programma ed orari

Il presepe di Bariola si svolge a Sant’antonio di Valli del Pasubio, in contrada Bariola appunto.

Viene inaugurato ogni anno il 24 dicembre e si può visitare fino al 31 gennaio.

presepe-di-bariola
La fritòla più buona che ci sia!

Il percorso è pedonale e dura circa un’oretta o poco più. Alla fine troverete uno stand per cioccolata, brulé e le mitiche frittelle di Natale che noi ci siamo mangiati sotto l’albero!

L’orario di apertura sarà dalle 9:00 del mattino fino alle 22:30.
La sera di San Silvestro il Presepe rimarrà aperto fino alle 2:00 di notte.

Nei giorni festivi sarà attivo un servizio di bus navetta che gratuitamente porta dal piazzale della NORDA i visitatori direttamente nei pressi del Presepe, altrimenti c’è un parcheggio in loco.

AVVENTO a Campo Tures

cosa-fare-a-campo-tures-in-inverno

Cosa fare a Campo Tures in inverno

I paesini dell’Alto Adige rispettano sempre le tradizioni natalizie con mercatini tipici e tanti appuntamenti per trascorrere il periodo dell’avvento in modo semplice ma coinvolgente.

Hai già letto il nostro articolo sui Mercatini di Brunico?

Campo Tures non è da meno e offre davvero molto da fare in questo periodo dell’anno! Andiamo a scoprire insieme cosa fare a Campo Tures in inverno.

Campo Tures

Adagiata sul fondo valle, questo paesino montano è uno dei centri più animati sia in estate che in inverno.

Dominato da Castel Tures, un castello medioevale imponente che si staglia sulla collina, è uno dei paesi che fa parte del Parco Naturale Vedrette di Ries-Aurina.

campo-tures
Veduta su Campo Tures

Montagne, laghetti, ruscelli, tanti sentieri escursionistici e altrettante leggende animano questa località. Ma ecco cosa fare a Campo Tures in inverno!

La Foresta Incantata

Quando: dal 30.11 al 22.11 tutti i fine settimana dalle ore 15 alle ore 19

Dove: Cantuccio -frazione di Campo Tures

Evento: Da Campo Tures con una bella passeggiata di 20 minuti si raggiunge Cantuccio, un agglomerato di case e artigiani che vi aspetta con un percorso davvero suggestivo per l’avvento a Campo Tures.

Il sentiero è quello che porta alla Cascata di Riva e si può fare a piedi oppure in carrozza.

cascata-riva-tures
La cascata di Riva

Si parte dal Caseificio Goasroscht, dove si possono acquistare prodotti del maso, per poi proseguire al Museo della Lana di Pecora dove si può visitare la stalla ma anche acquistare decorazioni natalizie in legno.

La passeggiata prosegue nel bosco tra luminarie ed installazioni con presepi per poi concludersi ai piedi della cascata di Riva con dei chioschi con bevande calde e dolci.

foresta-incantata-campo-tures

Ogni weekend c’è un programma diverso: fiabe per bambini, trucca bimbi, decorazione delle candele ma anche pony e Babbo natale! Per trascorrere l’avvento a Campo Tures in modo originale!

Noi l’abbiamo visitata in tarda mattinata purtroppo, ma la passeggiata è davvero caratteristica ed è una delle cose da fare a Campo Tures in inverno che vi consigliamo!

Natale in Montagna

Quando: dal 7.12 al 22.11 tutti i fine settimana dalle ore 10 alle ore 16

Dove: Speikboden – frazione di Campo Tures

Evento: Tutti i fine settimana sugli igloo ai piedi delle piste da sci vi aspettano mercatini, musica e tanto intrattenimento per i più piccoli!

igloo-speikboden
Un igloo in versione natalizia
Photo Credit: dolomiti.it

Paese Natalizio

Quando: il 6-13-20 dicembre dalle ore 16 alle ore 21

Dove: Campo Tures

Evento: Campo Tures vi accoglie per tutto il periodo natalizio con luminarie e case illuminate da wallpaint natalizi!

avvento-a-campo-tures
Le luminarie natalizie proiettate sulle case

Tutti i venerdì sera lo shopping è prolungato fino alle 21,30 e per i più piccoli un percorso ad indovinelli lungo il paese li intratterà con fiabe e racconti natalizi.

Krampus a Campo Tures

Uno degli eventi più acclamati è sicuramente la sfilata dei Krampus di cui vi avevo già parlato in questo articolo.

Krampus-a-campo-tures

Quest’anno si svolgerà il sabato 7 dicembre 2019 alle 18.

Vi ho dato qualche idea per trascorrere qui il periodo dell’avvento? Anche solo per un weekend è un posto davvero incantevole!

Per ogni info su orari e modalità di partecipazione rivolgetevi all’Associazione turistica di Campo Tures.

MERCATINO DI NATALE A BRUNICO

mercatino-di-natale-a-Brunico

Brunico è il capoluogo della Val Pusteria, luogo dove noi folletti amiamo trascorrere sia estate che inverno, perdendoci tra piste da sci e camminate lungo i pendii delle montagne.

Ogni inverno qui si svolge il classico mercatino natalizio che anima il centro del paese con casette e vere e proprie malghe itineranti.

mercatino-di-natale-a-brunico
L’affollamento dei mercatini l’8 dicembre

Mercatino di Natale

Il Mercatino di Natale a Brunico è una tradizione importante e rispettata in Alto-Adige.

Qui l’avvento è molto sentito e vissuto con tanti eventi religiosi e non, ma pur sempre molto coinvolgenti.

Avete già letto il nostro articolo sugli eventi dell’Avvento a Campo Tures?

Vi avevamo già parlato dell’Avvento a Campo Tures, luogo noto per la sfilata dei temuti Krampus che abbiamo avuto occasione di vedere in tutto il loro terrore!

cosa-fare-a-campo-tures-in-inverno

Casette di legno addobbate a Natale con palline e decorazioni di ogni tipo, profumo di cannella e vin brulé che si diffonde nell’aria ed un percorso segnato lungo la via centrale che termina con una zona presepe davvero ben fatta.

addobbi-al-mercatino-brunico
Addobbi di Natale

Uno scenario che il mercatino di Natale a Brunico riporta con lo sfondo delle montagne innevate e con tutti gli artigiani che ogni anno si offrono per coinvolgere i visitatori in esperienze uniche.

La gastronomia del mercatino di Natale di Brunico

Nota d’onore la occupa la gastronomia alpina che con le sue specialità è una delle cose più visitate del mercatino stesso.

Vere e proprie malghe itineranti con tanto di stube per riscaldare i passanti e piatti ben preparati come minestrone, pasta e faglioli ed il classico goulash, oltre a panini col wurstel e dolci di ogni tipo.

gastronomia-mercatino-brunico
La gastronomia del mercatino

Orari di apertura

Il mercatino si apre il 28 novembre 2019 e resterà aperto fino al 6 gennaio 2020. Ecco gli orari:

Lunedì  – domenica & giorni festivi: ore 10.00 – 19.00
24 dicembre: ore 10.00 – 14.00 
25 dicembre: il mercatino rimane chiuso 
31 dicembre: ore 10.00 – 19.00 
01 gennaio: ore 10.00 – 19.00

Per quanto riguarda la gastronomia gli orari sono:

Domenica–giovedì: ore 10.00–20.00
Venerdì, sabato e prefestivi:
ore 10.00–21.00

Per ogni info sulle attività e gli eventi collaterali al mercatino rivolgetevi pure all’ Associazione di promozione turistica di Brunico.

Ciao da noi Folletti!

mercatino-di-natale-a-brunico

KRAMPUS, mistero e tradizione a Campo Tures

Krampus-a-campo-tures

Dopo aver percorso le gole del Bletterbach ed aver letto il libro di Luca D’Andrea “La sostanza del male”, era un po’ che avevo in mente di affrontare una sfilata di Krampus.

E dico “affrontare” per un motivo! La sfilata è in realtà abbastanza movimentata tra rincorse e “carezze” di questi tradizionali diavoli dell’Alto Adige!

Cosa sono i Krampus

La leggenda racconta che, in periodo di carestia, alcuni giovani del villaggio si travestissero con ciò che trovavano, pellicce, corna di animali e piume, e derubassero gli abitanti del posto terrorizzandoli.

Krampus-a-campo-tures
Uno spaventoso Krampus

Durante una loro incursione però, si accorsero che tra loro c’era un personaggio strano, un demone vero e proprio, e ne furono terrorizzati.

Chiamarono subito San Nicola, il vescovo del paese che lottò con lui e lo sconfisse costringendolo ad essergli schiavo per tutta la vita!

La leggenda si rifà alla figura di San Nicola che si festeggia il 6 dicembre e che nei paesi del nord è colui che porta i doni ai bambini.

La sua consegna è sempre ostacolata dal demone al suo fianco, il Krampus, che punisce i bambini meno buoni spaventandoli con la sua figura inquietante e maligna.

La tradizione in Alto Adige

I Krampus sono demoni travestiti con maschere davvero impressionanti! I personaggi che li interpretano vestono abiti logori e consunti, hanno fruste e campanacci per fare rumore e spaventare i più piccoli ma soprattutto hanno sembianze e corna davvero brutte!

Krampus
Un Krampus dagli occhi accesi e con la saggina per frustare i malcapitati!

Per questo vi consigliamo di portare i bambini dall’età di 5 anni secondo il nostro parere, anche se per tradizione, gli abitanti del posto portano i bimbi davvero piccoli.

Il folletto ne è rimasto davvero impressionato nonostante la sua età e la “paura di niente” che vuole sfoggiare!

La sfilata dei Krampus a Campo Tures

Abbiamo partecipato alla sfilata dei Krampus a Campo Tures il 7 dicembre 2019 per la prima volta!

Un’emozione incredibile da descrivere perché era davvero molto tempo che volevamo andarci, io in particolare! Beh ormai lo sapete…sono sempre io quella dalle idee stravaganti e pazze in famiglia!

La sfilata comincia alle ore 18 perchè il buio è più suggestivo e parte dal palazzetto dello sport (palafeste) percorrendo le vie principali della cittadina.

Abbiamo aspettato un bel po’ in effetti, perchè ora che spaventano tutti ce ne vuole!!!

Krampus-a-campo-tures
Uno dei Krampus

Noi ci trovavamo proprio nella piazza centrale e sono arrivati circa alle 18.45. Il nostro consiglio? Vestitevi!!!

Tutina termica e tuta da sci per i piccoli e abiti e scarpe calde per i grandi…oltre ad un buon vin brulè in mano!

transenne-krampus
Transenne per il corteo

I diavoli sono scortati da Pompieri e vigili per rispettare la sicurezza ed i visitatori sono trattenuti da transenne e corde. Se vi chiedete perché lo scoprirete dai prossimi video! I diavoli sono un po’ scalmanati e tendono a frustare le gambe dei malcapitati ed a annerire i volti dei bambini con del grasso per fare un dispetto.

Krampus in azione!

Alcuni Krampus sono motorizzati con mezzi insoliti (quad e trattorini modificati), altri sono mangiafuoco ed altri ancora vampiri e luciferi con gli occhi accesi e lampeggianti! Davvero inquietanti!

Krampus-a-campo-tures
Un Krampus motorizzato!

La parata dura circa un’oretta e si conclude al palafeste dove poi la festa continua fino a notte!

Il nostro weekend a Campo Tures è proseguito con altre avventure ma ve le racconteremo presto!

Intanto vi basti sapere che l’evento è assolutamente gratuito ed organizzato ogni anno dall’Associazione turistica di Campo Tures a cui potrete rivolgervi per ulteriori info.

Alla prossima avventura!

Photo Credit Copertina EnricoMerlo @enrimtbrider

HALLOWEEN IN VENETO

halloween-zucca

Eventi ed Idee del 2020 per vivere questa festa divertendosi con i piccoli!

***Attenzione*** A causa del nuovo dpcm verificate le informazioni prima di partecipare alle attività

Halloween is coming! Ormai questa festa è entrata di diritto a far parte delle nostre vite da qualche anno! 

Una festa di stampo americano che ha preso sempre più piede anche in Italia e che ormai è molto diffusa anche tra i bimbi!

zucca-halloween
Photo credit: pixabay.com

Qui in casa Folletti ci si comincia a preparare già da ora con costumi e dolcetti! Quest’anno ci vestiremo tutti: io non posso fare a meno di indossare il mio costume da strega, il folletto quello da scheletro ed i papi…beh…a lui basta mantello e cappello

halloween-folletti-in-viaggio

La cosa che preferiamo in assoluto è preparare gli scherzetti da fare per le case…ma anche intagliare la zucca da mettere davanti la nostra porta d’ingresso ed impastare i biscotti con le nostre mani!

biscotti halloween

Eventi Halloween in Veneto

Qui però, vi proponiamo le cose più carine che abbiamo fatto per Halloween in Veneto con i piccoli e quelle che ci piacerebbe fare, ma ogni scelta sarà una festa!

Padova

In collaborazione con il FAI, Fondo Ambiente Italiano, a Villa dei Vescovi sui Colli Euganei di Padova, viene organizzata La villa dei fantasmi, un percorso speciale tra fantasmi, zucche e personaggi mostruosi, visite a tema, giochi con enigmi, tour paurosi e trucca bimbi…d’obbligo un costume mostruoso!

Sabato 31 ottobre per i più piccoli ci saranno visite speciali arricchite da piccole animazioni teatrali, mentre il pubblico adulto potrà godersi la visita della Villa nel Novecento, tra racconti inediti, dettagli inaspettati e una lettura tratta da uno scritto di Dino Buzzati.

Verona

Il classico del divertimento è sul lago di Garda tra corse in giostra e balli scatenati con RTL 102.5 a Gardaland Magic Halloween e Prezzemolo per l’occasione sarà felicissimo di intrattenere i piccoli con giochi e show.

Vicenza

Mentre la scuola d’inglese Pingu’s English organizza una notte mostruosa con pizza e laboratori mostruosi!

Photo credit Pingu’s English

Il 31 ottobre a Camisano Vicentino Halloween a Camisano,  mostri, streghe e fantasmi saranno tutti a Camisano per fare festa tutta la notte.

Il 31 ottobre a San Pietro Intrigogna Halloween, passeggiata per il borgo a caccia di caramelle e, al ritorno, pizzette, biscotti e bibite calde, evento per bambini.

Trento

Non rimane in Veneto ma ve lo segnaliamo perché poco lontano…nello stupendo castello di Avio che abbiamo visitato in settembre, sono previsti incontri da brivido, giochi medioevali e animazioni incredibili con prove di valore e creatività.

castello-di-avio

Allora? Scelto cosa fare? Noi siamo ancora molto indecisi ma troverete sicuramente le nostre scelte condivise sui social prossimamente!

Se volete inserire altri eventi rilevanti per la vostra provincia scrivetemi!!!

Buona paurosissima nottata!

CANALE DI TENNO, mercatini e manifestazioni 2019

canale-di-tenno-mercatini-2019

Nel nostro weekend autunnale sul Garda che ci ha visto visitare le cascate del Varone, non abbiamo perso l’occasione di fermarci in uno dei borghi più belli d’Italia, Canale di Tenno, che in inverno ospita i tipici mercatini natalizi.

Canale di Tenno

Incastonato tra il Lago di Garda e l’altopiano di Fiavè, questo piccolo acciottolato di case risalente al 1211 d.C., è formato da 4 strade che convergono nella piazzetta centrale.

Le case sono tutte in pietra, alcune con affreschi all’esterno e tutte davvero caratteristiche. Non si può non essere ammaliati dalla sua bellezza e dai suoi vicoli.

canale-di-tenno

Canale di Tenno oggi ha circa 50 abitanti e vive grazie al turismo del lago di Tenno ed a quello artistico. Tantissimi sono infatti gli artisti che affollano questo borgo e la sua “Casa degli artisti” dedicata al suo pittore adottivo Giacomo Vittone.

casa-degli-artisti-tenno
L’interno della Casa degli artisti

La struttura ospita mostre, convegni e istituti d’arte di ogni nazione in laboratori attrezzati chiedendo in cambio solamente di lasciare qui un’opera per arricchire la collezione.

Vi è poi un museo di attrezzi agricoli e di vita contadina ed un vasaio ancora in attività.

Ovviamente il paesino si gira a piedi vista la sua piccola estensione e le pietre che lo compongono.

Canale di Tenno mappa

canale-di-tenno-mappa
La mappa del Borgo pedonale

Come arrivare a Tenno

A piedi dal lago

Per arrivare a Canale di Tenno ci sono 2 opzioni: la prima arriva a piedi dal lago attraverso una strada bellissima tra le montagne e il lago stesso, molto paesaggistica di circa 2,5 km che vi consigliamo! Davvero una meraviglia!

In auto da Tenno

La seconda è arrivare in auto da Tenno ed, in questo caso, dovrete parcheggiare nel parcheggio gratuito che vi allego qui:

Canale di Tenno mercatini 2019

Questo borgo è famoso per molti eventi che si svolgono tra le sue mura,ecco tutte le manifestazioni per Canale di Tenno mercatini 2019:

  • Rustico medioevo, una rievocazione in costume che fa riferimento alle origini del Borgo con un festival di varie arti e tradizioni, le prime due settimane di agosto
  • Natale a Canale, dove il centro si anima con bancarelle e mercatini di artigiani e hobbisti.

Nel 2019 i mercatini di Canale di Tenno si terranno dal 23 al 25 novembre e nei giorni 1,7,8,14,15 dicembre per concludersi il 26 dicembre con il presepio vivente.

Partecipare a questi eventi è sempre molto divertente. Il borgo si anima di gente, si sparge il profumo del vin brulé e delle caldarroste e tanti artisti di strada animano le vie.

Dove mangiare a Canale di Tenno

Se passate di qui come noi, fuori stagione, vi godrete panorama ed aria fresca e potrete sedervi in piazzetta indisturbati a sorseggiare un aperitivo con i buonissimi salumi della tradizione alla Locanda del Borgo, l’unico punto ristoro del minuscolo paese.

Altrimenti durante le manifestazioni troverete moltissimi punti ristoro con specialità tipiche tra cui carne salada e fasoi, piatto tipico nato nel 1500.

HALLOWEEN ALL’Hard Rock Cafè con bambini

hard rock cafè bambini 2019

Pensate che trascorrere Halloween all’Hard Rock Cafè con bambini sia fuori luogo? Troppo chiasso, troppa musica e un “luogo da grandi”?

Oggi vi smentiamo noi e vi portiamo al Baby Horror Magic Show, un evento tutto per bambini in uno spazio molto rock!

Halloween Hard rock

Cari mamme e papà tra poco sarà Halloween! Come lo festeggerete? Intagliando zucche? Travestendovi da mostri e facendovi truccare dalla mamma? Sarei proprio curiosa di vedere i vostri costumi!

Noi faremo il classico giretto “dolcetto o scherzetto?” in serata nel nostro quartiere ma tantissimi sono gli eventi in Veneto parte del calendario per questa giornata! Ve ne avevamo parlato qui!

zucca-halloween
La mostruosa zucca di Halloween

Per quanto riguarda voi…Maghetti e streghette oggi vi porto a Venezia! Ad un evento moooolto rock a cui abbiamo partecipato l’anno scorso all’Hard Rock Cafe di Venezia.

Halloween all’Hard rock cafè con bambini

Hard rock cafe è una catena di ristoranti tematici fondata nel 1971 a Londra. Il rock qui la fa da padrone. I tantissimi oggetti esposti ed il cibo americano hanno reso questo marchio celebre in tutto il mondo. Chi di noi non ha una maglietta ricordo con il nome di qualche capitale del mondo stampato sopra?

hard rock cafè logo

Il locale di Venezia è situato dietro Piazza San Marco, in una posizione molto comoda per gestire l’arrivo dei bambini. Noi abbiamo camminato dalla stazione S.Lucia fino a lì per circa 20 minuti, ma il vaporetto lo raggiunge comodamente in 10 minuti!

hard-rock-cafè-venezia
L’esterno dell’Hard rock cafè Venezia

Peccato che non avessimo assolutamente guardato le previsioni “acqua alta” ed a mezzogiorno siamo dovuti scappare per non incappare nella marea! Ma in fondo la bellezza di Venezia è anche questa e la magia di vederla così merita comunque la gita.

acqua-alta-a-venezia
L’acqua alta ci ha sorpreso!

Baby Horror Magic Show 2019

hard rock cafè bambini 2019
La locandina dell’evento 2019

Ogni anno la catena di ristoranti organizza degli eventi a tema per bambini. Halloween è nei prossimi giorni, perché non partecipare alla festa più spaventosa della laguna?

La nostra esperienza

All’arrivo ci accoglie una strega cattiva che ci fa accomodare su un palco allestito per l’occasione. Ragnatele, teschi, ragni e pipistrelli sono disposti ovunque, insieme a cose più spaventose per i “grandi” opportunamente nascoste!

show-hard-rock-cafè-bambini

Il “Family Butcher” – macellaio di famiglia- con il grembiule tutto insanguinato inizia il suo show di magia che fa ridere i bimbi e ballare anche mamma e papà!

show-hard-rock-cafè-bambini

Dopo aver tagliato dita, fatto uscire conigli dal cappello e aver estratto fazzoletti dalle orecchie…ci spostiamo al piano superiore per fare una super merenda! Un brownie cioccolatoso con gelato e panna!

merenda-hard-rock-cafè-bambini

Al primo piano ci aspetta uno spazio riservato solo per noi con due animatrici che ci fanno fare dei laboratori con la carta e costruire streghe e pipistrelli minacciosi! Ci trucchiamo pure da mostri!

trucca-bimbi-hard-rock-cafè

Non perdete l’occasione di vivere anche voi questi eventi per i piccoli! Tantissime attività vi aspettano nei vari Hard rock del mondo! Cene speciali, compleanni da festeggiare, eventi sportivi e tantissimi menu’ a tema….oltre all’accoglienza speciale per i bambini che ricevono sempre gadget e cibo speciale per loro!

hardrockbaby
Il menù bambini all’Hard rock cafè

Info eventi

Tutte le info per i prossimi eventi su Venezia le trovate qui. 

Per quanto riguarda questo evento, il costo è di 15 euro a bambino, la durata è di circa due ore con la merenda compresa.

Quest’anno la festa si svolgerà sabato 26 ottobre 2019 a Venezia, ma la trovate anche negli altri Hard rock della Catena!

-Post in collaborazione con Hard rock cafè Venezia-

Revisionato a settembre 2019

TRENO DEI SAPORI, una gita sul lago d’Iseo

treno-dei-sapori

Il Lago d’Iseo mi ha sempre affascinato, ed oggi abbiamo trascorso una giornata qui con il treno dei sapori.

Il lago, sono riuscita a visitarlo per la prima volta solamente quando c’è stata la famosa installazione artistica di Christove la ricordate?

Era il 2016 e l’opera che collegava con passerelle gialle la città di Sulzano a Monteisola ed all’isola di San Paolo, attirò migliaia di visitatori, tra cui me!

All’epoca passeggiai sul lago nella folla e visitai l’isola ma da allora sognavo sempre di ritornarci! Non so perché ma i laghi mi ispirano sempre relax e quiete.

Il treno dei sapori ad Iseo

treno-dei-sapori

L’occasione è arrivata quando abbiamo deciso di fare una gita con il Treno dei Sapori, un convoglio storico che è stato trasformato in un ristorante.

Lungo il percorso si possono infatti degustare i prodotti tipici del territorio ed assaggiare il famosissimo vino della Franciacorta.

Un altro treno Slow? Provate una gita sul Trenino del Bernina!

Il treno è un mezzo lento e viaggiare sulle sue carrozze permette di gustarsi anche il paesaggio del lungolago e le sue pendenze che si scartano con gallerie e salite.

Percorso del Treno dei Sapori da Iseo

La gita prevede una guida che ci accompagna per tutta la giornata con spiegazioni storiche sulle cittadine del lago ma anche aneddoti sui suoi abitanti.

Iseo

Si inizia da Iseo, la cittadina che dà il nome al Lago. I palazzi colorati, la sua piazzetta del mercato con la statua di Garibaldi e la sua Pieve storica con il campanile mi danno subito l’impressione di un posto d’altri tempi.

iseo-giro-città

Lo immagino nei primi anni del ‘900 con i suoi palazzi affacciati sul lago e la gente che passeggia mano nella mano.

Tutti in carrozza!

E che carrozze!

Ci accoglie un treno d’epoca tutto ristrutturato e sistemato con tavoli preparati a ristorante, molti pannelli esplicativi descrivono le specialità che assaggeremo e schermi interattivi proiettano scorci del lago.

treno-dei-sapori

Cominciamo subito con un aperitivo “in viaggio” con Franciacorta fino ad arrivare a Pisogne.

brindisi-treno-dei-sapori

Pisogne e Santa Maria della Neve

Pisogne è la cittadina più settentrionale del lago d’Iseo ed ha un centro molto carino per passeggiare.

Molto famosa la sua Chiesa di Santa Maria della Neve che sorse nel XV secolo come monito cristiano alla caccia alle streghe che in questi luoghi fu molto sentita.

  • madonna-della-neve
  • madonna-della-neve

La guida ci illustra gli affreschi interni ad opera del famoso Girolamo Romanino.

La struttura della chiesa risponde allo schema delle chiese quattrocentesche con una sola navata e la volta a crociera affrescata a colori intensi. Anche la facciata aveva colori forti per cercare di attirare a sé i fedeli.

D’altronde ricordiamoci che la Val Camonica è nota per la più grande caccia alle streghe mai avvenuta in Italia ed il risanamento religioso era un obbiettivo imprescindibile!

Sulzano

A Pisogne degustiamo il pranzo a bordo con prodotti tipici del territorio, salumi e formaggi, gnocchi e salamella.

Un sommelier ci illustra i vini che beviamo a bordo. Tutti del territorio e veramente ottimi!

  • pranzo-treno-dei-sapori
  • pranzo-treno-dei-sapori
  • pranzo-treno-dei-sapori

La ripartenza per Sulzano ci fa degustare dolci tipici e liquori e grappe.

Battello in direzione Montisola

Da Sulzano ci spostiamo all’imbarcadero e prendiamo una motonave che attraversa il lago e ci porta a Montisola.

barche-sul-lago-iseo

È una splendida giornata di sole e le temperature settembrine ci fanno assaporare questa gita in modo particolare!

Montisola

Ultima tappa del nostro tour è l’isoletta in mezzo al lago d’Iseo. Scendiamo a Peschiera Maraglio e abbiamo un’oretta di tempo per perdersi tra le sue stradine!

  • sardine-di-lago
  • reti-di-montisola

Famosa per i suoi insaccati ma anche per l’essiccazione delle sardine di lago e per la manifattura delle sue reti, Montisola ha una bella passeggiata lungolago, ideale per gustarsi un gelato e fotografare il tramonto.

tramonto-iseo

Treno dei sapori: info utili

Il Treno dei Sapori parte tutte le domeniche e i giorni festivi con itinerari diversi e degustazioni stagionali. Il treno ha circa 45 posti.

La prenotazione è obbligatoria e potete farla qui.

Si possono anche segnalare intolleranze ed allergie.

La quota include

  • Ticket Treno dei Sapori
  • Servizio catering e menù a bordo del Treno dei Sapori
  • Servizio guida per l’intera giornata
  • Visita guidata alla chiesa di Santa Maria della Neve
  • Escursione a Montisola comprensiva di ticket battello
  • Assicurazione

Gli animali, anche se  di piccola taglia, non sono ammessi a bordo. Sono esclusi i cani guida in accompagnamento a non vedenti, che possono viaggiare senza limitazioni.

Post scritto in collaborazione con il Treno dei Sapori #ad