TRENINO DEL BERNINA, alla scoperta delle montagne svizzere

trenino-del-bernina

Un weekend in Svizzera con il trenino del Bernina per scoprire località di montagna e la famosa St. Moritz.

Dopo aver letto moltissimo sulla Ferrovia Retica ed i suoi ponti elicoidali che tanto ci ricordano il treno di Harry Potter, decidiamo di organizzare un weekend con degli amici.

treno-sui-binari
Corriamo a prendere il treno!

La nostra prima tappa è Tirano dove prenderemo il Trenino del Bernina!

Il Trenino del Bernina

Ci aspetta una tra le più belle traversate alpine tra la Svizzera e l’Italia che unisce due nazioni ma anche 2 paesaggi completamente diversi.

Ghiacciai a perdita d’occhio, gallerie che sbucano su paesaggi incredibili, pendenze fino al 70 per mille che vi assicuro valgono la corsa solo per sè.

ferrovia-retica-ponte-elicoidale
Il trenino del Bernina

La tratta parte da Lugano per poi far tappa in Italia a Tirano, dove lo abbiamo raggiunto noi, e fermarsi in posti assurdi, tipo il ghiacciaio Ospizio Bernina a 2253 mt di altezza per poi ridiscendere a valle nell’Engadina e raggiungere la chic St. Moritz.

La tratta da Thusis – Valposchiavo – Tirano fa parte del Patrimonio UNESCO – ed è semplicemente unica. 

Potrete ammirarla nelle carrozze panoramiche in vetro ma anche dal treno locale normale che comunque percorre la stessa tratta ad un costo più contenuto e vi mostra le stesse zone.

Come prenotare i biglietti per il Trenino del Bernina

Lasciandoci guidare dai consigli degli amici, abbiamo già comprato i biglietti in anticipo rivolgendoci ad un’agenzia della zona che non applica particolari costi aggiuntivi. E’ l’Adrastea Viaggi di Tirano.

Scegliamo tutti treni regionali e senza prenotazione, sempre puliti e puntualissimi! Siamo in Svizzera!

Avete letto la nostra esperienza svizzera a Basilea?

Viste le lunghe code per l’acquisto dei biglietti vi consigliamo vivamente questa scelta, soprattutto se viaggiate su treni senza prenotazione, che arrivano prima in stazione e riuscendo a salire prima non si ha il problema del posto a sedere.

In ogni caso potete acquistare il biglietto anche sul sito della Ferrovia Retica che vi offre anche la possibilità di acquistare le carrozze panoramiche ad un costo aggiuntivo.

Le tappe da fare in un giorno

Passiamo il confine di stato, attraversando in pieno centro cittadine molto caratteristiche. Scattiamo molte foto, soprattutto sul viadotto elicoidale di Brusio, davvero suggestivo.

Transitiamo fianco a fianco del lago di Poschiavo, che è in parte gelato e, con lo splendido sole che ci dona la giornata, brilla con la neve.

lago-di-poschiavo
Il lago di Poschiavo

Saliamo sempre di più fino a fermarci ad Alp Grum, 2091mt.

ristorante-alp-grum
La nostra pausa pranzo

Qui pranziamo mangiando pizzoccheri e birra al Banhof Buffet, per i nostri standard un po’ caro ma dobbiamo dire in anticipo che la Svizzera ha un costo diverso rispetto all’italia.

Dopo una battaglia a palle di neve con il mio bimbo, ripartiamo col trenino per fermarci a Pontresina, ammirando nel tragitto il lago Bianco e lo splendido paesaggio innevato delle Alpi che ci circondano.

ghiacciaio-diavolezza
Il ghiacciaio Diavolezza

In 15 minuti da Pontresina siamo a St Moritz. Fa molto freddo, prendiamo la scala mobile che ci porta verso il centro pedonale e subito cominciamo a notare i primi bellissimi negozi: Gucci, Ralph Lauren, Bulgari, Cartier e chi più ne ha più ne metta.

st-moritz-panorama
Foto di Peacepeaceofmind da Pixabay

Facciamo una passeggiata e poi ci fermiamo infreddoliti alla pasticceria Hanselmann dove gustiamo cioccolata calda e krapfen…ci voleva proprio!

Prendiamo la discesa e ci soffermiamo a fotografare il lago dal terrazzo alla base della scala mobile. Tutto ghiacciato e innevato è davvero bello! Riprendiamo il trenino per giungere, dopo 2 ore e mezzo circa a Tirano.

Amanti dei viaggi in treno? Leggi anche la nostra giornata sul Treno dei Sapori sul Lago d’Iseo!

Consigliamo vivamente questo itinerario breve ma molto suggestivo per i paesaggi innevati e gli splendidi posti. In un weekend è davvero facile da fare. Noi lo abbiamo fatto in inverno e ci siamo fermati a dormire a Pontresina per spezzare e farlo ancora più slow…ma in una giornata è meritevole lo stesso.

BASILEA, la Svizzera internazionale

basilea-cosa-vedere-in-un-giorno

Itinerario di un giorno a Basilea con bambini

Mi sono trovata a programmare il viaggio in Alsazia dopo lungo tempo, e, come spesso succede, per l’occasione di un volo super low cost.

La Svizzera non dista moltissimo dalla mia città ma sono comunque 650 km e farli in auto ci avrebbe stancato molto per cui abbiamo optato per un volo Easyjet da Venezia.

Siamo scesi all’aeroporto di Basel- Mulhouse-Friburg, detto l’Euro-aeroporto proprio per la sua posizione al centro dell’Europa e di ben tre nazioni: Svizzera, Francia e Germania.

Cosa fare dunque? Beh, visitarle tutte e tre ovviamente! Ed oggi inizio a raccontarvi di Basilea e cosa-vedere-in-un-giorno.

Avete già letto il nostro racconto di Friburgo in Brisgovia?

Basilea, la città

Basilea è nota per essere in Svizzera ma in realtà si trova a cavallo tra 3 nazioni: Svizzera, Francia e Germania, per cui l’influenza delle sue lingue tra gli abitanti è nota. Anche se qui la lingua ufficiale è il tedesco.

Il melting pot culturale però si fa sentire alla grande e così vi capiterà di sentir parlare qualcuno in tedesco e sentirsi rispondere in francese e viceversa. Tanti spagnoli sudamericani si sono poi trasferiti qui negli anni per cui anche questa lingua è molto diffusa.

Basilea è una cittadina relativamente piccola nota in Europa per le sue case farmaceutiche, Novartis in primis e La Roche poi. Ma anche per aver dato i natali al tennista Federer e per la sua fiera d’arte moderna, Kunstmuseum a parte.

Insomma una città attiva che sorge su un’ansa del Reno sfruttata per i commerci già dai tempi dei Romani e storicamente in posizione strategica per concili e guerre di potere.

Basilea, cosa vedere in un giorno

La città è visitabile in un giorno a piedi in modo tranquillo ma se volete addentrarvi nelle sue gallerie d’arte dovrete sicuramente dedicarle una giornata in più.

La nostra visita comincia da Barfüssenplatz con l’Ufficio del turismo come prima tappa per prendere mappe e confidenza con la città.

Ci spostiamo a piedi lungo le vie principali del centro per vedere il grande Murales rock dapprima

basilea-for-kids
Il murales rock di Basilea

e poi il bellissimo negozio di addobbi natalizi di Johann Wanner di cui vi ho già parlato.

Hai letto la nostra esperienza nel negozio di addobbi natalizi più famoso del mondo?

Lungo via Spalenberg, per terra troverete una sorta di Walk of fame di tutti i personaggi famosi di Basilea.

basilea-walk-of-fame

Tra di loro famossissimo il tennista Federer e gli architetti Herzog e De Meuron, quelli che hanno disegnato l’Allianz Arena di Monaco e lo stadio olimpico di Pechino per capirci!

Gli scorci sono bellissimi, i negozi hanno vetrine colorate e luccicanti ed è bello perdersi a camminare tra queste stradine.

basilea-cosa-vedere-in-un-giorno

Ne attraversiamo una spettacolare con la veduta sulla Rathaus. In questa stradina centrale di fianco a Spalenberg troverete una porta con il museo più piccolo del mondo! Una curiosità non da poco per una cittadina internazionale come Basilea!

basilea-museo-piccolo
Il museo più piccolo del mondo

Questo museo è costituito da una porta sulla stradina in cui a cicli regolari vengono esposte delle miniature. Una vera chicca!

basilea-rathaus
La Rathaus di Basilea

Si arriva quindi sulla piazza del mercato, Marktplatz, con la sua Rathaus che racchiude un cortile buio dominato dalla figura di Erasmo Da Rotterdam che si rifugiò qui dopo il concilio.

Nel nostro itinerario a Basilea cosa vedere in un giorno, non può mancare poi la cattedrale, Münster, con le sue due torri ed il giardino sul retro dal quale si ammira il panorama sul Reno!

Basilea-cosa-vedere-in-un-giorno
Panorama su Basilea

D’inverno una passeggiata per la città sarà entusiasmante anche per i mercatini natalizi che si svolgono ogni anno nel mese di dicembre. Purtroppo chiudono proprio il 24 e noi ce li siamo persi ma la città offre tantissime attività durante il corso dell’anno.

Famosissima è la sua Fiera degli orologi ed anche e soprattutto la fiera dell’arte Art Basel che ogni anno attira milioni di visitatori da tutto il mondo. Ma per l’itinerario museale dovrete aspettare un prossimo post!

Noi abbiamo avuto una guida d’eccezione e ringraziamo l’ente del turismo di Basilea per questo! Avere una persona del posto spesso fa scoprire chicche inaspettate ed infatti così è stato per noi.

Articolo scritto in collaborazione con Basilea Turismo

JOHANN WANNER e la magia del Natale a Basilea

natale-a-basilea-johann-wanner

Esiste un posto davvero magico da frequentare a Natale a Basilea. Un posto dove la magia del Natale imperversa da 50 anni e dura 365 giorni l’anno! Venite a scoprirlo con noi!

Johann Wanner, un pioniere

Ho conosciuto questo signore attempato nella mia visita di un giorno per natale a Basilea.

natale-a-basilea-joann-wanner
La vetrina del negozio

Un personaggio di circa 80 anni dal cervello fine e sveglio che parla fluentemente tre lingue. È lui a decorare l’albero di Natale sulla Münsterplatz in occasione del mercatino di Natale di Basilea che viene allestito ogni anno.

Ma è lui che decora pure gli alberi di Natale più incredibili mai visti: Casa Bianca, Regina di Inghilterra e tantissimi vip ogni anno lo contattano per avere decorazioni favolose.

Il negozio di Johann Wanner

Il suo negozio si trova nella zona centrale di Basilea al numero 14 di Spalenberg e vende esclusivamente decorazioni natalizie per tutto il corso dell’anno.

E’ praticamente impossibile non trovare qualcosa che sia di vostro gradimento in questo negozio di circa 400 metri quadri.

Potete osservare ma non toccare! Le decorazioni sono quasi tutte fatte a mano come si faceva una volta.

natale-a-basilea
I pupazzi di neve

Le abili mani dei vetrai creavano fusi e palline e le decoratrici li dipingevano aggiungendo lustrini e fili d’oro e d’argento.

Tantissime decorazioni raccontano la Svizzera perché poi durante l’anno la gente le acquista come souvenir. Ma tante altre raccontano il passato con orologi a cucù, campanelle, omini di pan di zenzero e chi più ne ha più ne metta.

decori-natalizi-a-basilea
Lo schiaccianoci

Le sue produzioni sono disponibili on line e in ogni momento dell’anno potete già sognare il vostro magico albero!

La nostra visita

È stato bello perdersi tra gli spazi di questo posto magico durante il nostro natale Basilea, anche se ci sembrava di essere degli elefanti in cristalleria! Gli spazi sono stretti e stipati di cose per cui attenzione a zaini e…bambini!

decori-natalizi
Paline decoro americano

Se troverete Johann fatevi raccontare un po’ delle sue avventure….sarà sicuramente ben lieto di farlo!

Post in collaborazione con l’Ufficio Turistico di Basilea