Un magico pic-nic

Pic-nic-sotto-le-stelle

L’estate è tempo di uscire, di stare all’aria aperta e godersi i tramonti ed i cieli stellati! Oggi vi portiamo con noi nella provincia di Ferrara dove tra stelle e grigliata potrete vivere un’esperienza unica!

Hai già letto il nostro

itinerario a Ferrara?

Pic-nic sotto le stelle

Organizzare i pic-nic è una delle mie passioni! Mi piace cucinare, preparare finger food e dolcetti vari è una delle mie specialità! Ogni tanto però mi piace essere coccolata e provare cose nuove!

La location scelta in questo caso è un agriturismo della provincia di Ferrara, “La Florida” a Bondeno, famoso tra i locali per la presenza di un osservatorio astronomico da cui si possono vedere le stelle in notti limpide.

L’agriturismo ha un ampio plateatico esterno ed un bel prato su cui tra covoni di fieno e pallets colorati vengono allestite delle vere e proprie tavole. Un luogo semplice ma magico!

Tovaglie a quadretti rosse e bianche e cestini in vimini con vino e calici…insomma davvero un colpo d’occhio fantastico!

pic-nic-bondeno

Appena cala la sera poi una marea di lucine bianche si accendono e donano un’atmosfera romantica e surreale.

L’organizzazione del pic-nic

Queste serate sono organizzate da FEshion eventi, un’agenzia di Ferrara che cura varie attività di intrattenimento sia in Emilia che in Veneto.

Non lasciatevi sfuggire un’esperienza simile! Vi sentirete catapultati in una realtà diversa, come i contadini di un tempo o ancora le damigelle delle campagne inglesi che con ombrellini e vestiti pranzavano al sole.

pic-nic-ferrara

L’evento inizia alle 20 ma si può arrivare con calma. Ci si registra e si beve un aperitivo prima di esser accomodati alla propria postazione dove viene consegnato il cestino.

Qui c’è l’occorrente per l’aperitivo e poi successivamente viene servita la portata principale. Il menù cambia a seconda di stagionalità ed evento per cui ogni serata avrà le sue specialità da assaggiare.

Non manca l’intrattenimento musicale molto soft, ma n generale l’atmosfera sarà davvero ovattata e leggera! Le distanze tra una postazione e l’altra consentono di parlare in modo rilassato e godersi la serata con un calice in mano!

Vuoi un’idea su dove soggiornare a Ferrara?

Come prenotare questa esperienza

Partecipare ad una serata con pic-nic sotto le stelle è molto più che vivere un’esperienza! Vuol dire riappropriarsi del contatto con la natura, del tempo, delle chiacchiere con gli amici.

I bambini? Tutti a giocare sul prato! Ed a scoprir le stelle con il naso all’insù!

Se volete prenotare anche voi questa serata dovete contattare FEshion eventi sulla loro pagina Facebook o sul sito. Le attività organizzate sono moltissime e vi stupirà spaziare tra pic-nic sotto le stelle ed attività per famiglie.

Piccola nota nostra: il pic-nic è davvero slow, vi capiterà di aspettare del tempo tra una portata e l’altra e questa è un po’ la filosofia della serata. Cercate di godervela a pieno e di staccare il telefono per un po’.

Mi raccomando ricordate una coperta su cui sedervi e dell’anti-zanzare perchè per loro è sempre l’ora del picnic!

Articolo scritto in collaborazione con FEshion eventi

IL CASTELLO DI AVIO

castello-di-avio

Una giornata al Castello di Avio in Trentino per un pic-nic davvero speciale.

Dopo aver visitato le Saline Conti Vecchi a Cagliari, ci troviamo a visitare un altro dei beni del FAI, il fondo ambiente italiano.

FAI-fondo-ambinete-italiano

Come vi ho già raccontato, il FAI è una fondazione senza scopo di lucro che si propone di valorizzare arte e natura paesaggistica in Italia.

Le sue mille iniziative in tutta la penisola sono organizzate per raccogliere fondi che servono poi per ristrutturare, conservare e promuovere aree che altrimenti sarebbero abbandonate o dismesse.

Questa volta visitiamo un castello non troppo lontano da Vicenza, il castello di Avio in provincia di Trento.

Il castello di Avio: un po’ di storia

Il castello di Avio sorge sulla cima di una rocca che domina tutta la val Lagarina, un posto strategico che, nel passato, è servito come luogo di osservazione e difesa della valle dell’Adige.

castello-di-avio
La salita al Castello

Guardandolo dal basso si nota subito la sua imponenza, i suoi torrioni con il Mastio, ma anche i giardini verdi e rigogliosi e i filari di viti che ornano i pendii delle sue colline.

La nobile famiglia dei Castelbarco, che lo abitò nel periodo medioevale, trasformò la fortezza in una piccola corte feudale, meta di artisti e intellettuali e lo donò al Fai nel 1977.

Il castello di Avio: la visita guidata

Siamo stati al castello il primo maggio, ed, appena arrivati, siamo stati accolti dal direttore e coinvolti in una visita guidata molto interessante.

castello-di-avio

Dopo una parentesi generale sui patrimoni del Fai, ci ha raccontato come sia sorto il castello nell’antichità. Come fosse dapprima accampamento romano poi trasformato in fortezza con la costruzione della prima cinta muraria, ed infine castello con la costruzione del Mastio e della torre Picadora, dove venivano impiccati i nemici come monito per gli avversari in guerra.

La contessa Emanuela di Castelbarco Pindemonte Rezzonico ha abitato proprio nella torre fino al 1977, anno di donazione del castello al FAI.

Il complesso è davvero grandioso e scoprire tutte le sue storie davvero coinvolgente! Scoprire come sorgesse sulle rotte commerciali più importanti, come si riuscissero ad organizzare truppe e battaglie con giorni di anticipo perché la visuale sulla vallata è talmente ampia da non fornire scampo agli avversari….

castello-di-avio
Val Lagarina

Nel primo edificio interno, ci sono affreschi di pregio che narrano di guerra e arti militari ma una delle cose che ci ha affascinato di più sono le leggende! Eh certo! Pensavate che qui non ci fossero storie di fantasmi?!

Nell’anticamera della camera del capitano troviamo delle losanghe policrome geometriche, molto innovative per l’epoca, con all’interno delle lettere gotiche. La leggenda narra che i guerrieri che si erano comportati male in battaglia venissero bendati e fatti girare su se stessi in questa camera. Dopo averli storditi ben bene dovevano indicare delle lettere a formare una parola di senso compiuto, altrimenti venivano giustiziati!

castello-di-avio

Un bel giorno, la principessa, che non voleva per nulla sposarsi, disse al padre che se un principe fosse stato in grado bendato di ricomporre il suo nome con le lettere, avrebbe avuto la sua mano! Dopo molti principi ne arrivò uno cieco e lei se ne innamorò. Così per riuscire a sposarlo fece delle piccole incisioni sulle lettere in modo da farlo vincere!

castello-di-avio
Affreschi

Tantissime altre leggende popolano la storia di questo castello e, di sicuro, qualche fantasma ci sarà…ma noi non lo abbiamo visto!

L’amore è riportato anche nella famosa “Camera di Amore”, che si trova nel Mastio ed è raggiungibile con una salita su ripidi gradini.

Qui affreschi di dame e cavalieri, ornano le pareti e raccontano storie antiche fatte di orgoglio ed onore.

castello-di-avio

All’interno della cinta muraria ci sono delle zone adibite a pic-nic e dei terrazzamenti dove ci si può stendere a prendere il sole o stendere un plaid e giocare come abbiamo fatto noi!

Il castello di Avio: gli eventi

Oltre alla visita guidata, il castello offre tante attività… anche per i più piccoli con percorsi-gioco e cacce al tesoro che li coinvolgono e li portano a conoscere le storie e i personaggi che lo hanno celebrato nei secoli.

Noi abbiamo partecipato al pic-nic del primo maggio ed il cestino lo abbiamo acquistato nella Locanda del castello! A farci compagnia quel giorno abbiamo trovato un gruppo di rievocazione storica che ci ha intrattenuto con uno spettacolo teatrale!

castello-di-avio
La locanda del castello

Il castello di Avio: info utili

Il biglietto prevede la libera visita del castello ma è disponibile una visita guidata della durata di circa 2 ore  all’ interno dei luoghi storici del maniero.

Il Castello di Avio è aperto al pubblico dal mercoledì alla domenica:

  • dal 1 marzo al 30 settembre: 10:00 – 18:00 
  • dal 1 ottobre al 24 novembre: 10:00 – 17:00

Aperture straordinarie: lunedì e martedì festivi, martedì di agosto

I prezzi d’ingresso sono:

  • Iscritti FAI: ingresso gratuito*
  • Intero: € 7,50
  • Ridotto (6-18 anni): € 4
  • Bambini fino ai 5 anni: ingresso gratuito, salvo eventi particolari
  • Studenti fino ai 25 anni: € 4
  • Soci National Trust, Soci Bienfaiteurs Amis du Louvre, residenti del Comune di Avio, portatori di handicap con un accompagnatore: ingresso gratuito
  • Famiglia: € 20,00 Consente l’ingresso con tariffe ridotte per i gruppi famigliari composti da 2 adulti e 2 bambini (6 – 18 anni). A partire dal terzo bambino, ogni ingresso è gratuito.

Cani ammessi sempre al guinzaglio.

Si consiglia l’uso di scarpe comode.

Ricordatevi che potete unirvi al Fai con una semplice donazione che vi permetterà di accedere gratuitamente a tantissimi luoghi in Italia! Trovate tutti i luoghi protetti dal Fai in questa pagina, così vi potete fare un’idea di tutto quello che non potete perdervi!

Si ringrazia il FAI per l’evento.