LOACKER, PASTICCIAMO CON GLI GNOMI!

loacker-pasticceria-per-bambini

I laboratori di Loacker ad  Heinfels

Quest’estate come sapete abbiamo percorso la ciclabile San Candido – Lienz, una stupenda pista che collega Italia ed Austria e ci ha fatto trascorrere una allegra giornata in famiglia.

Appena passato il confine di stato, si trova un paesino di montagna carinissimo, Heinfels.

Heinfels

Un borgo di montagna, dominato da un castello del tredicesimo secolo e da verdissimi prati!

In quanto tempo e come si raggiunge Loacker

Nel percorso della ciclabile San Candido-Lienz, Heinfels, si trova dopo circa 15 km, non so darvi un tempo esatto di arrivo perché dipende da quante volte vi fermate durante il tragitto! Noi ci siamo fermati tante volte per dare da mangiare alle caprette, vedere le cascate, ecc…

A spasso per la ciclabile

Indicativamente tenete conto che siamo partiti alle 10,30 circa ed arrivati verso 12,00, quindi un’oretta e mezza di percorrenza con le soste!

La fabbrica Loacker

Loacker produce i deliziosi wafer conosciuti in tutto il mondo.

L’azienda Loacker

Si trova sulla sinistra della ciclabile e si comincia ad intravvedere già dall’inizio della strada. Non fate caso se vedete un grande stabilimento industriale, appena svolterete l’angolo si aprirà la vista su un parco!

La visita all’azienda è imperdibile!

A farla da padrone qui sono loro, gli gnomi! Chi non conosce la loro canzoncina?

Gli gnomi Loacker

Veniamo giù dai monti,

dai monti del Tirolo,

Cantiamo tutti in coro:

Loacker che bontà!”

Come si struttura la visita

All’ingresso ci accoglie una ragazza che ci accompagna a fare un giro del museo. Un museo che racconta la storia della creazione di questi biscotti e che porta al piano superiore dove si svolgono i laboratori.

loacker-bar
Loacker: il bar

Al piano terra c’è uno store con ogni tipo di wafer (noi abbiamo ovviamente assaggiato di tutto!!!) ed anche un bar dove rifocillarsi.

Loacker-heinfels
Loacker ingresso

La cosa più bella in assoluto per i bambini è trasformarsi in creatori di wafer!

La pasticceria interattiva per bambini ed…adulti!

Loacker organizza da alcuni anni dei mini corsi per bambini dove si insegna come preparare i wafer.  Vista la curiosità dei “grandi” i laboratori sono aperti anche agli adulti, previa prenotazione.

La prenotazione è, infatti, obbligatoria e potete farla qui.

Hanno un costo simbolico di 5-7 euro a bambino a seconda della lingua e della fascia oraria scelta. 

Come si svolge

Appena si sale le scale si viene accolti da del personale che ci mette camice, copricapo e copri scarpe…l’igiene è tutto!

loacker-laboratorio
Il laboratorio Loacker

Poi si assaggiano le due creme più gettonate, cioccolato e nocciola. Solo per valutare se sono buone o meno!!!!

Vi dico solo che c’è una fontana per ogni tipo di crema e mi ci sarei tuffata volentieri!!!

Il folletto è stato scelto per produrre la prima cialda ed era super felice nel buttare la pastella sopra a piastra bollente sorvegliato speciale della pasticcera!

Poi quando c’è da spalmare il cioccolato l’ho aiutato anch’io…non sia mai che cadesse una goccia!!

Spalmiamo la crema sugli strati di wafer

Spalma che ti spalma, componiamo il wafer, lo mettiamo in frigo, cantiamo le canzoncine e guardiamo un cartone animato sull’azienda diretto ed interpretato direttamente dagli gnomi!

Non occorre che vi dica che il folletto ne è stato entusiasta!

Ehm…anche il papà…che poi si è pappato una confezione di wafer appena fatti!

Info pratiche

Avete letto il nostro articolo sulla

Ciclabile San Candido-Lienz?

I bambini sono i benvenuti in Loacker ma per la pasticceria  creativa vi consiglio almeno i 4 anni, potete farlo con loro se sono piccoli ed accompagnarli!

I laboratori sono a numero chiuso, per cui mi raccomando…prenotate per tempo!!! Agosto ed i mesi di vacanza in generale sono molto gettonati. Il numero massimo di partecipanti è 12.

Se siete una comitiva potete anche riservare lo spazio tutto per voi.

Le lingue sono 3: italiano, tedesco e inglese. Se non trovate l’italiano poco male…è un lavoro creativo e manuale…l’unica cosa sarà sentire canzoncina e video in una lingua diversa.

Preparatevi a fare una scorpacciata di cioccolato….anche se vi ricordo che la ciclabile continua poi….Non vorrete mica farla rotolando???!!! Hahah!!

ALBA IN MALGA, UN’ESPERIENZA DA RICORDARE

alba-malga

L’alba in una malga tipica della zona di Asiago, nel Veneto, con il nostro folletto.

Se vi piace la montagna e, come noi folletti, siete gente avventurosa…una delle esperienze da non perdere è quella dell’alba in malga.

Alba in malga ad asiago

Una levataccia…che però ripaga con lo splendore dei paesaggi di montagna, con le luci dell’alba e con una colazione senza pari!

Come partecipare

Molte malghe di montagna organizzano autonomamente questo evento; noi abbiamo partecipato a quella organizzata da Asiago Guide in una domenica estiva, quando la calura soffocante della pianura padana si faceva sentire più del solito…ed essendo vicini ad Asiago (Vi) abbiamo pensato di optare per una giornata alternativa!

Il ritrovo è Malga Larici di sotto, dove si produce formaggio Asiago con il latte delle mucche che sono in alpeggio estivo. Una storia ricca di tradizioni e culture popolari quella delle malghe, che oggi vivono in chi manda avanti pascolo, mungitura e tutta la filiera di produzione del formaggio.

Le mucche al pascolo – photo credit: Malga Frigostoff

Ore 5,30: il buio la fa ancora da padrone e c’è ancora qualche stella in cielo!
La guida arriva e ci porta subito in altura, con un percorso brevissimo ed a prova di passeggino! Da qui non ci resta che osservare la meraviglia del sole che sorge, finché i folletti assonnati si riprendono e cominciano a giocare tra le colline.

La guida ci parla della grande guerra

I giochi di luce sono spettacolari e i racconti della guida sulla grande guerra che si è svolta in questi posti sono avvincenti anche per i più piccoli!

In malga!


Ci spostiamo poi verso la malga dove ci aspetta l’esperienza della mungitura! Due mucche ci aspettano per provare ad essere munte ed i più piccoli sono davvero i più bravi a farlo!

La mungitura del folletto

“Mamma…ma il latte è caldo!” e…sì…la mucca ha la temperatura corporea a 38/39 gradi quindi….il latte è caldo e bevibile subito! Anche senza pastorizzazione perché non c’è contaminazione.

Nuovi amici…cagnolini e mucche!

Tanti cagnolini nella malga ci fanno coccole e compagnia, finché mamma e papà guardano come si produce il formaggio con i paioli di una volta…quelli scaldati con le braci ed il fuoco e lavorati dal casaro a mano.

Giochiamo con i cagnolini della malga

La nostra colazione di montagna!

Ci attende la proprietaria della malga con caffè, latte appena munto e pane cotto nel forno a legna, con burro e marmellata…che dire? Una colazione super! 🙂

Il latte nel paiolo del casaro

Una mattinata certamente impegnativa ma che ripaga di ogni sforzo!

Il casaro prepara il formaggio Asiago


Altre info:

Durata: circa 3 ore
Difficoltà facile – anche per passeggini e zaini per bimbi
Costo attuale 15 euro adulti e 5 euro bambini

Per info sulle attività dell’associazione asiago guide e prossime date in programma vi rimando al sito www.guideasiago.com

Se vi piace la montagna e l’arte, leggete anche la nostra esperienza ad Artesella!

ARTESELLA, BAMBINI E ARTE

artesella-con-bambini

Alla scoperta dell’arte tra le montagne del Trentino con i bambini

Ho sempre adorato l’arte…questa splendida capacità dell’animo umano di trasmettere le emozioni più profonde e mandare i messaggi più personali.

seme-artesella
Il seme

La cosa che mi attrae sempre di più è la personale interpretazione che ognuno di noi fa dell’arte stessa. Ed in questo i folletti ci stupiscono sempre…sanno riconoscere forme improbabili e divertenti in ogni scultura, quadro o opera…strappandoci risate ma anche facendoci riflettere sui molteplici significati che l’autore può avere.

Come organizzare la giornata ad Artesella con bambini

Questo weekend abbiamo percorso i meravigliosi sentieri di Artesella con bambini, un percorso che attraversa la natura ma accoglie opere di artisti contemporanei di tutto il mondo.

ArteSella nasce da un’idea di un gruppo di amici che decide di realizzare un connubio tra arte e natura. Le opere vengono create con materiale reperibile nel bosco: legno, sassi, foglie, e vengono immerse nell’ambiente circostante, quasi a creare un’armonia visiva.

artesella-installazione

Nella sua cornice si organizzano eventi estivi di prosa, danza e musica che la Val di Sella fa risuonare in tutto il suo splendore.

Come arrivare all’installazione

Da Vicenza si percorre la strada Valsugana, ma la valle è accessibile anche dall’autostrada uscendo a Trento e raggiungendo Borgo Valsugana. Da qui parte la salita fino a Malga Costa che è il punto di partenza della zona Artesella.

Noi folletti, scegliamo però di percorrere tutto l’itinerario e quindi lasciamo la macchina nel parcheggio all’inizio del sentiero ArteNatura, che si snoda nel bosco. Se siete pigri o non avete voglia di camminare, potete tranquillamente parcheggiare a Malga Costa.

All’ inizio la salita è un po’ impegnativa ma poi il sentiero è tutto in piano ed è percorribile anche con il passeggino. Il tempo di percorrenza è indicato in un’ora e 45 minuti ma in realtà ci impieghiamo poco più di un’ora.

percorso-artenatura
Percorso Artenatura

Nella boscaglia si sta freschi e ci sono le prime installazioni artistiche. Ogni tappa è una scoperta ed un motivo per fermarsi a riposare ed esplorare sassi, alberi, pezzi di corteccia e animaletti! Inoltrandosi sul pendio del Monte Armentera si raggiunge il Biotopo, una zona che circonda uno stagno alpestre nel quale confluisce il torrente che si snoda attorno ad Artenatura.

Arrivati a Malga Costa, iniziamo il percorso artistico

Il sentiero è ad anello e dura circa un’oretta. È meno ombreggiato, tranne la parte centrale della collina che ospita le installazioni più grandi, tra cui la bellissima Cattedrale vegetale ed il teatro all’ aperto dove, in estate, si svolgono gli eventi. Le opere sono molto grandi ed i folletti possono esplorarle e cercare di capire le idee di ogni artista che le ha create. Ogni sito ha le sue spiegazioni ed illustrazioni.

Cucù !!!

Ci sono aree per il pic-nic ovunque ed anche dei bagni molto puliti ed attrezzati per i piccoli. Qui è il paradiso dei bimbi: ampi prati, boschi da esplorare e rocce da scalare…un bellissimo parco giochi in legno e tanta aria buona da respirare! Questo è Artesella con bambini!

I prati artesella

Dove pranzare

Per il pranzo ci fermiamo dall’Ersilia, un piccolo bar-ristorante che ha saputo ricavare dalla natura un pergolato entusiasmante. Una sorta di tunnel fatto di piante rampicanti dove i tavolini vengono incorniciati dall’ombra e dove la cucina è veloce ma sana e con ingredienti locali. Se fate questa scelta mi raccomando prenotate perché in alta stagione è molto affollato. Noi ci siamo pappati lo spezzatino con la polenta!

pranzo-ersilia-artesella
Menù tipico alla Trattoria dall’Ersilia

Dopo questi 2 sentieri e circa 4 km percorsi, ci sentiamo invadere dalla stanchezza e decidiamo di usufruire della navetta che parte dalla malga e ci riporta al parcheggio. Il costo è di 2 euro adulti e 1 euro i bambini. Ci lascia proprio davanti a Villa Strobele, dove ci accoglie una musica di sottofondo ed un bellissimo giardino per rilassarci un po’.

Una bellissima giornata trascorsa in mezzo alla natura ed alle opere di artisti straordinari. Sicuramente il fascino dell’inverno con la neve deve rendere questo prato di una bellezza unica…e ci riproponiamo di tornare con il freddo.

Il biglietto è pagamento e per le tariffe aggiornate vi rimando al sito ufficiale di Artesella

Ma se voi invece avete voglia di fare un’altra gita in Montagna…potete leggere qui! Vi portiamo ad Asiago, un’altra località ideale per immergersi nella natura con i folletti con un’esperienza speciale, L’alba!

A presto

Cristina

GLAMPING: UN WEEKEND PER LA COPPIA !

canonici-san-marco

“Only for parents”

“Mamma dove è la borsa del Baskeeet???”
“Maaaaammmaaaa…non trovo i pantaloni!”
“Papaaààà…giochi con me?”

Tutte frasi che noi mamme e papà sentiamo di frequente e…diciamo la verità…a volte non se ne può davvero più!
Urge una pausa romantica! Una pausa per riassaporare il gusto di stare insieme e di essere una coppia prima di una famiglia.
Il tempo è sempre poco e la vita è sempre troppo frenetica per riuscire a scambiarsi 4 parole che non siano “hai fatto la spesa?” oppure “hai preso i colori per l’astuccio?”

Il nostro rifugio, il glamping Canonici di San Marco a Venezia

Io e papà folletto ogni tanto ci perdiamo tra le incombenze quotidiane e abbiamo decisamente bisogno di staccare…

Uno dei nostri must nella bella stagione è il Glamping Canonici di San Marco, immerso nella campagna veneta, a Mirano.

glamping-venezia

Amanti della natura come siamo, sempre alla ricerca di posti immersi nel verde, ma anche confortevoli ed un po’ coccolosi…abbiamo scoperto per caso questo camping tendato di lusso con mobilio balinese, legni e tessuti d’eccellenza, aria condizionata e stufa ed un bagno da mille ed una notte!

Ci siamo già concessi 2 fughe romantiche in questo angolo di paradiso dove la gentilissima proprietaria ci ha messo a nostro agio con mille attenzioni.

Voglia di una fuga romantica all’estero? Ecco il nostro San Valentino a Londra!

Il nostro arrivo

Il glamping si trova n provincia di Venezia ed è strutturato con un rustico centrale e alcune tende con struttura in legno.

Il rustico è stato ristrutturato con arte, mantenendo la travatura originale ed i muri colorati in tipico stile veneziano. L’antica mangiatoia delle mucche è diventata uno stupendo lavabo per la cucina e le sale attorno hanno mobilio d’epoca e oggetti della tradizione contadina appesi alle pareti.

Al mattino si serve la colazione con tazze e piattini in stile retrò e prodotti del territorio in una delle sale attorno al giardino.

glamping-venezia

Ci sono anche alcune camere di lusso nella struttura centrale, mentre una cantinetta per la degustazione dei vini e delle sale con lunghi tavoli sono a disposizione per banchetti ed eventi.

Il nostro pomeriggio

La struttura mette a disposizione degli ospiti le biciclette che noi prendiamo con gioia per raggiungere in pochi km Mirano. Un paese veneto dal centro vivace e carino, dove fare un po’ di shopping ed uno spritz in piazza.

La sera, al nostro rientro, troviamo ad attenderci un cestino da pic-nic con dentro ogni genere di leccornia! Un pasticcio di verdure, dei prodotti tipici della zona, vino ed anche un delizioso dolcetto! Allestiamo un tavolino esterno nel patio con delle stoffe colorate, posate, lume di candela….

glamping-venezia

Cielo stellato, lucciole ed il suono dei grilli fanno da cornice ad un momento magico… che volere di più?

La tenda è immersa nel verde ma ha zanzariere e tende oscuranti per la notte. Il pavimento è in legno e l’esterno è fornito di sdraio, quindi se non volete faticare in bici…potete sempre optare per il relax al sole!

A pochi km ci sono poi, le ville venete del Palladio. E si può scegliere di fare un tour in barca sulla Riviera del Brenta per scoprirle tutte ed unire cultura e relax.

Vi abbiamo incuriosito?

Speriamo di sì…questo è un luogo che vi consigliamo col cuore!

ALLA SCOPERTA DEI VULCANI DELL’AUVERGNE

auvergne

Una zona francese poco conosciuta ma di sicuro interesse per i più piccoli!

Una meta imperdibile per tutti i folletti? Ma di certo la visita dei vulcani!

Quale fenomeno naturale incuriosisce di più della lava e del fuoco? Di queste montagne giganti e addormentate che in passato hanno dato origine alla nostra geografia?
E anche se vederne uno attivo sarebbe veramente super…ci accontentiamo di visitare quelli spenti decisi a imparare a conoscere la loro storia.

vulcani-dell-auvergne
Io e papi sul massiccio dell’Auvergne

Il nostro piccolo esploratore, super appassionato di vulcani, ci coinvolge nella scelta di questa destinazione e decidiamo così di partire per questa zona della Francia ricca di natura e storia, l’Auvergne.

Hai già letto le nostre avventure a spasso per Colmar?

Il benvenuto sulle montagne francesi

Cartelloni pubblicitari e t-shirt stampate recitano “Ici commence l’Auvergne, ici finit la France”, inviandoci il messaggio che questa è una regione slow, dove ci si rilassa, si beve del buon vino e si mangia del fantastico formaggio.

Teniamo d’occhio questa zona da un po’, da quando la mitica Lonely Planet l’ha segnalata tra le mete top del 2016 per i suoi paesaggi inebrianti, con vulcani e vette di origine glaciale, ma questa regione va scoperta anche per la natura selvaggia e per i suoi progetti d’arte, oltre che per le imperdibili mucche e i relativi formaggi!

Il nostro itinerario tra i vulcani dell’Auvergne

Partiamo da Venezia con un volo Easyjet per Lione, che in meno di un’ora ci porta a destinazione e, dopo aver ritirato la nostra auto al noleggio, dormiamo subito in un hotel in aeroporto visto la tarda ora.

La mattina, dopo una colazione con gli immancabili croissant ci dirigiamo verso i vulcani dell’Auvergne veri e propri cioè la Chaìne des Puys, catena di crateri e cupole laviche lunghe 40 km, inattiva da millenni ma paesaggisticamente super!

La nostra prima tappa sarà il Puy de Dòme 1465mt, il punto più alto della zona, che dista circa 2 ore da Lione.

le-puy-de-dome-auvergne

Alla base della vetta c’è un grande parcheggio da cui partono molti sentieri escursionistici, la zona è meta di molte camminate estive, ma noi…grandi pigroni :-)… la percorriamo con un treno a cremagliera, il Panoramique des domes, un trenino elettrico che si inerpica con una pendenza alle volte allarmante e in pochi minuti raggiungiamo l’apice della montagna.

Ps Se volete fare come noi, portatevi la carta ikea family, otterrete un prezzo vantaggioso!

Panoramique-des-domes
Treno panoramico

Il panorama è davvero mozzafiato…purtroppo domina una mega antenna che scopriamo poi essere una stazione metereologica. Quello che invece, ci stupisce è trovare un tempio di culto gallo romano che risale al 140 d.c. in rovina ma in ristrutturazione.

tempio-gallo-romano-auvergne
Il tempio gallo-romano

Pranziamo nel bistro, sulle panchine esterne, godendoci la vista dei crateri ben visibili nella catena montuosa e fotografando i tantissimi parapendii in volo sopra di noi. C’è proprio una scuola di parapendio sulla cima e chi vuole può godersi anche un lancio in tandem con l’istruttore!

parapendio-auvergne
Parapendii sull’Auvergne

I crateri son ben delineati e fa quasi impressione vedere come sono stati ricoperti di vegetazione. I vulcani dell’Auvergne d’altronde sono antichissimi, la sola catena dei Puys risale a meno di 10.000 anni fa con i suoi 80 vulcani addormentati allineati da Nord a Sud per quasi 40 chilometri.

Uno spettacolo unico al mondo si domina dal Puy de Dome ma anche gli altri vulcani dell’auvergne non sono da meno come mete per chi si occupa di vulcanologia.

Clermont ferrand

Scesi col trenino riprendiamo la nostra super scattante Twingo a noleggio e ci dirigiamo verso la città sottostante: Clermont-ferrand. Parcheggiamo, ma subito ci accorgiamo che è un paesino molto ecologico…tram e bus elettrici, tutti in bici… una cittadina di montagna ma tenuta molto bene e con bellissimi spazi verdi.

In centro ci attende la cattedrale di Notre Dame in pietra lavica nera, da qui Papa Urbano II tenne il famoso discorso di Clermont, che diede inizio alle Crociate in terra santa. Purtroppo, visti i tempi attuali (attentati terroristici del 2016), la cattedrale è circondata dai militari, e ci spostiamo velocemente, dopo una breve visita.

Il centro è spazioso e ricco di negozi delle catene più prestigiose ed ha una splendida piazza dominata dal Puy de de Dome.

clermond ferrand
La piazza di Clermont Ferrand

Vulcani dell’Auvergne: un posto speciale dove dormire

Vale la visita anche la fabbrica della Michelin che nasce qui e produce gomma e pneumatici per auto da generazioni. Ha uno spazio-museo che per i bambini è molto carino, ci sono molti modelli di auto ed anche prototipi avvenieristici!
Facciamo la spesa e ci dirigiamo verso la nostra sistemazione per la notte.

Per coinvolgere il folletto scegliamo un posto molta avventuroso! Les Volca’lodges de Tournebise

vulcani-dell-auvergne
Le Volca Lodge

Ebbene…cercatelo e guardatelo attentamente…perché solo questo posto vale il viaggio!!! L’oste ci accoglie in questa casa rurale in mezzo alla natura, dove ha sistemato una decina di casette ecologiche in legno davvero spettacolari, ognuna su un pendio della collina e ognuna con cucinetta e bagno.
La nostra cena con formaggi tipici, vino e baguette seduti su portico davanti al bosco è stata fantastica!

E…per farvi un po’ di invidia…ci sono anche le piscinette jacuzzi sul patio…così, dopo cena, si smaltisce la fatica della giornata tra bolle e stelle in cielo!!!

Vulcania, il parco

Il secondo giorno è dedicato all’esplorazione del parco divertimenti Vulcania. Ovviamente il tema è quello dei vulcani, ma il parco è molto culturale, non ci sono giostre, ma attrazioni con film e video.

L’attenzione per l’ambiente e l’ecosostenibilità sono i temi centrali, propone poi cinema 3D e cinema dinamici con film sui vulcani e la regione dell’Auvergne. A noi è piaciuto molto, ci sono anche vari spazi per gli esperimenti che i bambini possono utilizzare liberamente ed un giro esterno.

vulcania-auvergne
Vulcania

Il parco è sotterraneo, utile perché la zona è montana e spesso piove…ovviamente noi siamo incappati nella pioggia torrenziale!
La visita richiede una giornata intera, ed è disponibile gratuitamente l’audioguida in italiano, così anche i bambini possono capire gli spettacoli!

La route des fromages


Uscendo dal parco, abbiamo percorso un tratto della famosa Route des fromages dove vengono prodotti 5 tipi di formaggi Doc, alcuni di pecora altri di mucca.

route-des-fromages
Negozi sulla route des fromages

La cucina del Volca’lodge ed il suo oste ci propongono la trouffade, una specialità con patate formaggio e l’affettato del luogo. Tutto accompagnato da birre artigianali. Da provare!
La mattina a malincuore prepariamo le valigie e rientriamo su Lione, attraversando le verdi valli della Loira.

Questa volta la sosta non ci è permessa ma, vedendola da lontano, la annotiamo nella lista delle prossime mete e rientriamo su Venezia in una assolata giornata d’agosto.

Mettete in lista i vulcani dell’Auvergne …. sono assolutamente fantastici!

Cristina

Privacy Policy

Privacy e informativa sull’uso dei dati

Privacy Policy
Si informa, ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio e dell’art. 13 del D.lgs 196/03 “Codice in materia di Protezione dei Dati personali”, che i dati personali da Lei forniti ovvero altrimenti acquisiti nell’ambito delle prestazioni professionali richieste o offerte da tale blog, saranno oggetto di trattamento nel rispetto dei principi di correttezza, liceità e trasparenza. In qualità di Titolare del Trattamento, si garantisce inoltre che il trattamento avverrà nella massima tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti.

Per trattamento di dati personali s’intende la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione e la distruzione di dati anche se non registrati in banche dati.

I DATI PERSONALI DI NATURA COMUNE vengono trattati per: gestire attività di comunicazione e marketing, incluso l’invio della newsletter, previo consenso dell’interessato. Il trattamento dei dati avverrà mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza, nonché la riservatezza e sarà effettuato anche mediante strumenti elettronici atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi.

DURATA DEL TRATTAMENTO
Le informazioni raccolte verranno custodite secondo le modalità descritte in seguito per un massimo di 10 anni e comunque secondo i termini di legge. Tuttavia, qualora l’interessato ritenga, per qualsiasi motivo, esaurito lo scopo del trattamento, dovrà darne comunicazione scritta ai riferimenti dicontatto scritti in questo sito, e si procederà all’immediata cancellazione delle informazioni, qualora non contrasti con la normativa di legge.

CONDIVISIONE, COMUNICAZIONE e AMBITI DI DIFFUSIONE DEI SUOI DATI PERSONALI
I dati forniti non saranno diffusi senza il Suo consenso.

DIRITTI DELL’INTERESSATO
Il trattamento dei dati, indispensabili per la corretta gestione dei servizi commissionati, può essere effettuato anche con l’ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione e complesso di operazioni tra quelle indicate all’Art. 4, comma 1 lettera a), del D.Lgs. sopra richiamato.

Ricordiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, tuttavia l’eventuale rifiuto a fornirci in tutto o in parte, i suoi dati personali potrà comportare la mancata o parziale esecuzione dei servizi accordati.

In relazione ai predetti trattamenti Lei potrà esercitare i diritti di cui all’art. 7 del Codice in materia di Protezione dei dati Personali, di seguito riportato:

Articolo 7 – “Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti” –

1.L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2.L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
dell’origine dei dati personali;
delle finalità e modalità del trattamento;
della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
L’interessato ha diritto di ottenere:
l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
3.L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Per esercitare i diritti che la legge Le attribuisce all’art.7 del Decreto, può rivolgersi al titolare, in forma scritta o verbale con un intervallo non inferiore ai 90 giorni.

Se la richiesta è verbale è possibile accoglierla esclusivamente se verte su:

origine dei dati personali, luogo e modalità di raccolta
finalità e modalità di trattamento
modalità e logica di trattamento con strumenti elettronici/informatici e telematici
estremi identificativi del titolare e del responsabile
soggetti e/o categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o dai quali possono essere conosciuti
Se la richiesta è scritta, è necessario inoltrarla mediante lettera posta elettronica

E’ possibile richiedere al titolare, una “DICHIARAZIONE DI ATTESTAZIONE” idonea a certificare che le richieste avanzate siano state effettivamente risolte e portate a conoscenza di coloro ai quali erano stati precedentemente diffusi e comunicati i dati.

In quanto soggetto interessato, Lei potrà anche delegare una terza persona con una copia della procura ovvero della delega sottoscritta in presenza di un incaricato o sottoscritta e presentata unitamente a una fotocopia non autenticata di un documento di riconoscimento dell’interessato. Se la Sua richiesta verrà avanzata in quanto persona giuridica, questa potrà essere presentata dalla persona fisica legittimata in base ai rispettivi statuti od ordinamenti.

E’ possibile richiedere informazioni anche per conto di un defunto solo se si dimostra che si ha un interesse personale o si fanno gli interessi del deceduto o per ragioni familiari meritevoli di protezione. Il titolare è tenuto a dare riscontro alla richiesta entro 15 giorni dalla data di inoltro o 30 giorni nel caso in cui la risposta sia problematica, in ogni caso entro il 15 esimo giorno Le verrà data comunicazione scritta delle motivazioni del ritardo.

Cookies
I cookies sono informazioni che i siti registrano sulla memoria del computer, smartphone o tablet che usi per navigare: possono servire a vari scopi, fra cui salvare le tue preferenze, permetterti di acquistare prodotti da un e-commerce, riconoscerti quando torni sul sito.

Su questo sito, uso dei cookie tecnici per:

ricordare se ti ho informato dell’esistenza dei cookies, o se invece devo ricordarti che li usiamo e invitarti a leggere questa informativa;
ricordare se ti ho proposto di iscriverti alla newsletter negli ultimi 60 giorni, per non disturbarti più in caso io l’abbia già fatto.
Altre informazioni che possono interessarti:

WordPress gestisce l’iscrizione ai commenti di un post, ti riconosce se sei un utente registrato di WordPress e stai navigando “loggato”, e argina lo spam
in fondo alle pagine e ai post ci sono i pulsanti di condivisione sui social network Facebook, Twitter, LinkedIn e GooglePlus, e in certi casi faccio l’embed di contenuti da YouTube, Instagram, Slideshare; tutte queste piattaforme salvano i dati in cloud su server che possono risiedere fuori dalla UE e usano i propri cookies per riconoscerti, se stai navigando dopo esserti collegato ai tuoi account; io non ho accordi con nessuno di loro e non sono in grado di controllare come usano i tuoi dati. Per maggiori informazioni, naviga alle relative privacy policy:

uso Google Analytics per avere, in forma anonimizzata, le statistiche d’uso del sito.

Nel tuo browser puoi impostare le preferenze di privacy in modo da non memorizzare cookies, cancellarli dopo ogni visita o ogni volta che chiudi il browser, o anche accettare solo i cookies di del mio sito e non quelli di terze parti; esiste anche un servizio, Your Online Choices, che ti mostra quali cookie installano i vari servizi e come puoi disattivarli, uno per uno.

La maggioranza dei browser internet sono impostati per accettare i cookie in modo automatico.

Hai tuttavia ha la possibilità, in ogni momento, di reimpostare il browser in modo da accettare tutti i cookie, solo alcuni, oppure di rifiutarli, disabilitandone l’uso da parte dei siti. Inoltre, puoi impostare le preferenze del browser in modo tale da essere avvisato ogni volta che un cookie viene memorizzato nella memoria del tuo computer.

Al termine di ogni sessione di navigazione, è possibile cancellare dal disco fisso i cookie raccolti.

Poiché ciascun browser – e spesso diverse versioni dello stesso browser – ha una procedura diversa per gestire le preferenze relative ai cookie, puoi trovare informazioni dettagliate in merito nella guida del tuo browser.

Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, puoi visitare i seguenti indirizzi:

cookipedia

wikihow

about cookies

Iscrizione al blog
Puoi ricevere i post del mio blog via posta elettronica, iscrivendoti alla mia newsletter e selezionando l’opzione “post del blog”; se ti iscrivi solo per ricevere i post del mio blog, sappi comunque che un paio di volte l’anno potrei mandarti anche una newsletter speciale, con aggiornamenti che non pubblico nel blog.

Qui sotto puoi leggere come tratto i tuoi dati.

Newsletter
Scrivo una newsletter per:

mandare materiali utili o, più in generale raccontare cose
avvisarti se ho in agenda eventi interessanti e occasioni
Per iscriverti, puoi usare la maschera popup che compare dopo un po’ quando sei su questo sito, ma anche usare il modulo messaggi della pagina Contatti o quello che si trova in fondo a ciascuno dei miei post.

La newsletter è gestita con MailChimp, e il tuo indirizzo email viene memorizzato sui server di MailChimp (quindi anche fuori dall’Unione Europea) e, periodicamente, nei backup che io faccio della mia lista. Qui puoi leggere la privacy policy di MailChimp. Quando ti iscrivi (o ti disiscrivi), io potrei ricevere una notifica coi tuoi dati sulla mia casella email, che è gestita su Gmail.

MailChimp, come ogni piattaforma per la gestione di newsletter, mi dà informazioni su chi apre le newsletter e clicca sui link; io uso queste informazioni per capire se sto scrivendo cose interessanti per chi legge, e regolarmi di conseguenza. Per tua informazione:

se non vuoi che chi ti manda una newsletter sappia che l’hai aperta, leggi la newsletter senza scaricare le immagini;
se non vuoi che i tuoi clic sui link di una newsletter vengano tracciati, copia i link, meglio ancora se dalla versione in solo testo, e aprili direttamente nel browser.
Sono io la titolare del trattamento dei dati (trovi i miei riferimenti e recapiti in fondo a ogni pagina); non cedo il tuo indirizzo email a nessun altro, per nessun motivo (a meno che tu non mi dia l’autorizzazione per farlo); puoi smettere di ricevere la newsletter in qualunque momento, attraverso il link che trovi in fondo a ciascun messaggio. Continuerò a mandarti newsletter e post fino a quando non chiuderai la tua iscrizione; in ogni caso, io periodicamente controllo chi non sta aprendo più i miei messaggi da alcuni mesi, e procedo a disiscriverli io stessa (si chiama list cleaning); questo riduce molto il rischio che continui a scriverti anche quando non ti interesserò più.

NB: dopo la disiscrizione, MailChimp mantiene comunque i dati degli ex-iscritti per evitare di poterne forzare il reinserimento nella mailing list. Se però vuoi la cancellazione definitiva dei tuoi dati, scrivimi e la farò io manualmente.

Uso del modulo contatti e dei dati inseriti in commenti o contatti
Se mi scrivi dalla pagina Contatti io uso i tuoi dati per risponderti, e così se mi scrivi via posta elettronica o lasci un commento a un mio post. I tuoi dati restano memorizzati nel mio archivio di posta elettronica (Gmail), nel database del sito (ospitato su Aruba), se si tratta di commenti e nei miei backup; sono io la titolare e responsabile del trattamento dei dati, che non cedo a nessun altro a meno che tu non mi autorizzi a farlo.

Se nel tuo messaggio hai dichiarato di voler ricevere aggiornamenti su quello che faccio, o se hai spuntato l’opzione “mandami la tua newsletter” dal modulo Contatti, ti inserisco nella mia mailing list (vedi alla voce Newsletter).

Navigazione nel sito
Per sapere quante persone leggono il mio sito, quante pagine vengono aperte, da dove provengono i lettori, uso Google Analytics, servizio gratuito fornito da Google; ho impostato Google Analytics in modo che il tuo indirizzo IP venga anonimizzato, attraverso l’azzeramento dell’ultima parte dell’indirizzo stesso.

Le informazioni generate dal cookie di Google Analytics sull’utilizzo del sito web da parte tua (compresa la prima parte del tuo indirizzo IP) vengono quindi trasmesse a Google e depositate presso i suoi server negli Stati Uniti. Google usa queste informazioni per tracciare e esaminare l’uso del sito da parte dei visitatori, e fornire questi dati, in forma aggregata e mai collegati alla tua identità, attraverso i report di Analytics e i suoi altri servizi informativi (es. Google Trends).

Google potrebbe trasferire queste informazioni a terzi nel caso in cui questo sia imposto dalla legge o nel caso in cui si tratti di soggetti che trattano queste informazioni per suo conto;  l’informativa su privacy e uso dei dati di Google Analytics è qui.

Io uso i dati delle analytics per capire meglio cosa ti piace e cosa non ti interessa, e per migliorare i contenuti di questo sito.

Se non vuoi essere “tracciato”, nemmeno in forma anonima, da questo o da altri siti che usano Google Analytics (ce ne sono milioni online…), puoi scaricare il il componente aggiuntivo per disattivare l’invio dei dati di navigazione a Google Analytics:  funziona con i browser più diffusi, ed è distribuito gratuitamente da Google.

Altri servizi
Se diventi mio lettore, probabilmente ci scambieremo messaggi di posta elettronica e potrei salvare informazioni su  GoogleDocs,  Dropbox o Evernote.

Non iscrivo automaticamente i miei clienti alla newsletter, anche se teoricamente potrei farlo; mantengo riservate le informazioni che li riguardano, e scrivo di loro sul mio blog solo dopo averli informati preventivamente di cosa scriverò.

Titolare e Responsabile del trattamento
Il Titolare del trattamento dei dati personali, il Responsabile del trattamento di cui alla presente Informativa sono io, e i miei dati sono nella pagina Contatti e nel footer del sito. Io stesso sono responsabile del riscontro, in caso di esercizio dei diritti sopra descritti.
Al fine di semplificare le modalità di inoltro e ridurre i tempi per il riscontro si invita a presentare tutte le richieste inerenti questa informativa all’indirizzo email fornito nella pagina contatti
Questa pagina è visibile, mediante link nella barra in alto di tutte le pagine del Blog ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

ABOUT ME

Cristina, classe ’75, nella vita sono un’erborista che si prodiga per diffondere la cultura del benessere e della cucina sana.

Iperattiva per natura, sosia di Bridget Jones, mamma di un folletto, stregua sostenitrice dell’esistenza degli unicorni…oltre che una persona seria eh!

Curiosa ed ambiziosa, adoro viaggiare per il mondo portando sempre il sorriso con me.

Colleziono tazze di Starbucks, appassionata di diari di viaggio e di tutto ciò che ha delle pagine da leggere.