L’Altopiano di Asiago è un luogo ricco di storia, natura e cultura ed una delle esperienze più belle da vivere in questa zona è quella di partecipare ad una delle escursioni guidate alle malghe di Asiago per assaporarne tutta la loro autenticità e trascorrere del tempo a contatto con la natura. Da alcuni anni ci rivolgiamo ad Asiago Guide per la competenza delle guide naturalistiche che, oltre che portarci in luoghi meno battuti, ci fanno partecipare ad esperienze insolite e davvero incredibili, come quella che voglio raccontarvi oggi.

Cosa si fa in una malga?

Una malga è un’esperienza immersiva a contatto con la natura. Lontana dalla città e dai comfort si è catapultati nella cultura alpina, dove il tempo sembra essersi fermato, e dove è possibile vivere esperienze autentiche e genuine. Tra le montagne si possono fare passeggiate e trekking scoprendo gli animali al pascolo come mucche, pecore e capre.

Oltre agli incontri, si scoprono molte cose interessanti sull’allevamento, la pastorizia e la mungitura. Alcuni anni fa avevamo partecipato all’alba in malga ed è stata un’esperienza incredibile. Per i bambini mungere le mucche e bere il latte è entusiasmante perché spesso vivono realtà diverse dalla montagna e per loro il latte esce dalla bottiglia senza sapere realmente come viene prodotto. Con i prodotti di malga si fanno ottime degustazioni, non solo di formaggi ma in generale, di molti prodotti km 0, tra cui verdure, frutta, miele e liquori.

Cosa vuol dire formaggio di malga?

Il formaggio di malga è un prodotto tipico delle Alpi italiane, ottenuto dal latte di vacche allevate in alpeggio. Il latte di malga è ricco di nutrienti e ha un sapore unico, dovuto all’alimentazione delle mucche, che si nutrono di erbe e fiori freschi di montagna. I formaggi di malga sono generalmente di tipo molle o semiduro, con un sapore intenso e un aroma caratteristico.

escursioni-guidate-asiago-guide

La produzione del formaggio di malga avviene in piccoli caseifici di montagna, secondo metodi tradizionali. Il latte viene riscaldato e addizionato di caglio, quindi viene lasciato coagulare. La cagliata viene poi lavorata e messa a stagionare in grotte naturali o in celle frigorifere. Il formaggio di malga è un prodotto di alta qualità, che rappresenta un’importante tradizione culinaria italiana. È un alimento che può essere consumato fresco, stagionato o grattugiato.

I formaggi di malga più famosi in altopiano

Il Veneto è una regione ricca di tradizioni e sapori, e i formaggi di malga ne sono un perfetto esempio. Prodotti con latte di fresco, munto in montagna, i formaggi di malga veneti sono caratterizzati da un sapore intenso e un aroma inconfondibile.

Tra i più famosi troviamo l’Asiago, un formaggio DOP prodotto in diverse varianti, dal fresco al stagionato, la Tosella, un formaggio a pasta molle da mangiare cotto, la Caciotta di malga, un formaggio fresco e dal sapore delicato. I formaggi di malga veneti sono un’ottima scelta per chi ama i sapori autentici e genuini. Possono essere gustati al naturale o utilizzati per preparare piatti tipici della cucina veneta.

Escursioni guidate sull’altopiano di Asiago per scoprire come si produce il formaggio nelle malghe

Abbiamo scelto di partecipare ad una delle escursioni guidate sull’altopiano di Asiago alla scoperta delle malghe per poterci immergere di più nella realtà dei malgari e scoprire tradizioni e segreti di chi fa il formaggio tutti i giorni.

La nostra escursione è partita da Campolongo per raggiungere il Baito Erio. Il percorso è molto semplice e adatto a tutti e c’erano molti bambini (attività super consigliata per loro!). Lungo il tragitto, Emanuele, la nostra guida ci ha raccontato molte cose sul bosco e sulla tragedia della tempesta Vaia e degli alberi abbattuti. Raggiunto il Baito Erio al tramonto, dopo alcune foto, abbiamo conosciuto il nostro “malgaro” che con un falò ed un paiolo ci ha spiegato come si produce il formaggio e ce lo ha fatto assaggiare! Un’esperienza unica che si è conclusa con la discesa con le luci della sera nel bosco.

Come si fa il formaggio di malga?

La sua produzione è ancora oggi basata su metodi tradizionali, che si tramandano di generazione in generazione. Ogni malga ci aggiunge la caratteristica propria che può venire dal latte o dalla stagionatura. Ad esempio i pascoli possono essere diversi da zona a zona e quindi anche il latte ha un sapore diverso. Una delle peculiarità del formaggio di malga è infatti quella di essere sempre diverso ma con caratteristiche simili.

formaggio-in-malga

Ecco i passaggi principali per la produzione del formaggio di malga:

  1. Mungitura: il latte viene munto due volte al giorno, al mattino e alla sera.
  2. Affioramento: il latte viene lasciato riposare per qualche ora, in modo che il grasso si separi dal siero.
  3. Cagliatura: al latte viene aggiunto il caglio, un enzima che provoca la coagulazione del latte.
  4. Rottura della cagliata: la cagliata viene rotta in piccoli pezzi, in modo da favorire la fuoriuscita del siero.
  5. Formatura: la cagliata viene messa in stampi, dove viene pressata e lasciata riposare per qualche giorno.
  6. Salatura: il formaggio viene salato, in modo da conservarlo.
  7. Stagionatura: il formaggio viene stagionato per un periodo di tempo variabile, in base al tipo di formaggio.

Il formaggio di malga non è solo un prodotto, ma una storia raccontata dal territorio, dalla flora, e dalla sapienza delle comunità locali. Se anche tu vuoi immergerti nella tipicità del territorio dell’altopiano di Asiago, scopri sul sito di Asiago Guide tutti gli eventi e le escursioni che puoi fare in ogni stagione.

Ti potrebbe piacere anche:

Ci rivediamo al prossimo articolo! Ti è piaciuto questo post e lo hai trovato utile? Condividilo sui social e taggami! Se apprezzi i miei contenuti, iscriviti alla newsletter e vieni a trovarmi su Instagram,  Facebook e TikTok, ti leggo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: